Da Greenreport del 28/07/2006
Originale su http://www.greenreport.it/contenuti/leggi.php?id_cont=2990

Italia: «L´ecoenergia, business del futuro»

Il ministro delle politiche agricole: «Puntiamo sulle biomasse, rendono molto di più di mais e girasole»

ROMA. L'eco-energia come soluzione non contingente ma strategica. E' questa la visione del ministro alle politiche agricole, alimentari e forestali, con delega sull'agro-energia, Paolo De Castro (nella foto) che ha ricordato come il governi punta sulle biomasse e che l'agro-energia è il business del futuro.

Nell'ottica di conciliare gli interessi dell'agricoltura con la difesa dell'ambiente, De Castro ha precisato che «tra le fonti rinnovabili, può diventare determinate in prospettiva l'apporto delle biomasse, i residui vegetali o animali dell'agricoltura e della zootecnia. Qui c'è un interesse economico immediato per le imprese agricole, in particolare nell'installazione di micro-impianti diffusi sul territorio. Mille quintali di biomasse rendono fino a 2.000 euro a ettaro, oltre volte più del mais o del girasole. E su un'estensione di 250-300 ettari, un'impresa zootecnica può arrivare a produrre un megawatt di elettricità attraverso la fermentazione dei reflui degli allevamenti».

Biomasse vincenti, in termini di bilancio per l'impresa agricola, anche nel confronto con olio di palma o di cocco, su cui si sono specializzati Paesi esteri, concorrenti sul mercato internazionale. «Sono certamente più convenienti – ha assicurato il ministro – anche perché questi oli vegetali bisogna importarli dall'estero, dal Sud-Est asiatico o dal Sud America. E poi, gli ambientalisti sostengono anche che il consumo di carburante e il conseguente inquinamento causato dalle navi che trasportano questi carichi superano di gran lunga i vantaggi». Per valorizzare il made in Italy l'idea di De Castro è quella di promuovere «su un mercato parallelo i certificati verdi doc». «Il plus – spiega – viene collegato alle materie prime prodotte in loco. La filiera deve essere nazionale o al massimo europea e la finalità degli incentivi è quella di ridurre il differenziale tra il mondo agricolo e quello industriale. E' in preparazione un tavolo sulla bio-energia da convocare alla ripresa autunnale, ha annunciato infine il ministro, che coinvolgerà le 32 associazioni che compongono la galassia delle energie rinnovabili con le quali è gia stato aperto un confronto, insieme a tutte le categorie interessate, petrolieri compresi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Biocarburanti, la risposta all'aumento del petrolio
A Vegetalia sarà presentata una pianta coltivata per gli impianti energetici
su Italia Oggi del 18/01/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0