Da Ansa del 28/10/2006

Italia: via la pena morte anche per reati di guerra sì praticamente unanime a legge Boato

ROMA - Un voto pressoche' unanime contro la pena di morte. Alla Camera maggioranza e opposizione si ritrovano unite nell'approvazione della legge Boato, che vieta il ricorso alla pena di morte anche per i reati militari in caso di guerra. I deputati favorevoli sono stati 474, soltanto un no e nessun astenuto.

La legge, che va ora all'esame del Senato, modifica l'articolo 27 della Carta Costituzionale. Oggi dice che ''non e' ammessa la pena di morte se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra''; la legge Boato cancella con un tratto di penna il riferimento ai codici militari e fa restare solo il divieto assoluto: ''Non e' ammessa la pena di morte''. Senza nessuna eccezione.

Tutti d'accordo i gruppi parlamentari, anche quelli piu' schierati per il ''pugno di ferro'' nella lotta alla criminalita', come An e la Lega Nord.

Con la modifica costituzionale viene sanata una situazione paradossale. La pena di morte e' gia' stata abolita nei codici militari nel 1994. Ma nella Costituzione, l'articolo 27 non era stato mai modificato, e lasciava aperta la possibilita' di un ritorno alla pena capitale per i reati militari in caso di guerra.

Promotore della battaglia e' stato il verde Marco Boato. E' da circa dieci anni che il parlamentare presenta disegni di legge per eliminare ogni riferimento alla pena di morte nella legislazione italiana. Questa sera e' soddisfatto, ma fa appello al Senato: ''Ringrazio tutti, ma questa e' la terza volta che la Camera approva una legge del genere. Ogni volta non si e' riusciti a completare l'iter legislativo. Mi auguro che questa volta a palazzo Madama non ci siano problemi''.

La discussione si e' intrecciata con la battaglia contro la pena di morte nel mondo. Il deputato della Rosa nel Pugno Sergio D'Elia, segretario dell'associazione ''Nessuno tocchi Caino'' ha polemizzato con il governo. Secondo D'Elia, l'esecutivo italiana, su pressione della Francia, ha rinunciato a presentare una risoluzione all'Onu per la moratoria delle esecuzioni capitali nel mondo.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Privacy: mano pesante del garante contro il marketing telefonico
Verranno rafforzate le indagini e inasprite le sanzioni
su ITNews del 28/12/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0