Da Reuters del 30/10/2006
Originale su http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID...

Pakistan: raid aereo su scuola coranica, fino a 80 morti

KHAR, Pakistan - Un attacco all'alba da parte degli elicotteri dell'esercito pakistano ha ucciso fino a 80 presunti militanti in una madrassa, cioè una scuola coranica, gestita da un comandante sostenitore dei talebani, ricercato per aver nascosto combattenti di al Qaeda vicino al confine afghano. Lo ha riferito un portavoce dell'esercito.

L'esercito ha detto che la scuola coranica nel villaggio di Chenegai - 10 chilometri a nord di Khar, la città principale nella regione al confine con l'Afghanistan - era utilizzata come centro di addestramento per militanti.

L'attacco ha ucciso quasi tutte le persone presenti nella scuola, anche se almeno tre persone ferite sono state portate all'ospedale di Khar.

"L'edificio è stato distrutto", ha detto a Reuters il generale maggiore Shaukat Sultan.

"Secondo le nostre fonti locali, sono stati confermati fino a 80 morti", ha aggiunto. Nessun soldato della fanteria è stato inviato per rastrellare l'area.

Gli abitanti dell'area hanno raccontato di aver visto almeno tre o quattro elicotteri dell'esercito sorvolare Chenagai attorno alle 5 della mattina.

Si pensa che nella struttura non ci fosse alcun militante particolarmente importante quando è stata attaccata, secondo quanto riferito da Sultan. I funzionari della sicurezza hanno detto che Maulana Liaqatullah, il responsabile del seminario, è tra gli uccisi.

Sultan ha precisato che non erano presenti donne e bambini.

Secondo alcuni abitanti del villaggio ci sarebbero anche bambini fra le vittime, ma Maulana Faqir Mohammad, un comandante dei militanti che si trovava sul luogo dell'attacco, ha detto a Reuters Television che l'età delle persone morte va dai 15 ai 25 anni.

I corpi ricoperti da lenzuola bianche sono disposti in fila. Davanti a loro centinaia di uomini armati raccolti attorno alle rovine della scuola per ascoltare Mohammad e dichiarare il loro sostegno al leader di al Qaeda Osama bin Laden e al capo dei Talebani Mullah Mohammad Omar.

"Che Allah protegga lo sceicco Osama. Che Allah protegga il mullah Omar", ha detto il leader dei militanti, con la caratteristica barba e i capelli lunghi.


CONDANNA DEL PARTITO ISLAMICO

Migliaia di persone, membri di tribù, si sono riuniti a Khar per urlare slogan come "Abbasso l'America", "Abbasso Bush" e "Abbasso Musharraf".

Il leader di Jamaat-e-Islami, il partito più influente in Pakistan, ha condannato l'attacco, definendolo un atto "barbarico", e ha detto che è stato lanciato dalle forze americane dal confine.

"Questo attacco alieno ... equivale ad una dichiarazione di guerra al Pakistan", ha detto Qazi Hussain Ahmed nel corso di una conferenza stampa, mentre un funzionario del ministero del suo partito ha consegnato le dimissioni in segno di protesta contro il governo amministrativo della Provincia della frontiera nordoccidentale.

Nel gennaio dell'anno scorso, ritenendo che Liaqatullah fosse in contatto con il numero due di al Qaeda Ayman al Zawahri, la Cia lanciò un attacco missilistico con un drone (aereo senza pilota) nel villaggio di Damadola a Bajaur.

Zawahri non si trovava nell'area, ma alcuni militanti di al Qaeda rimasero uccisi nell'attacco.

La striscia di terra pakistana, popolata da tribù fuorilegge e situata al confine con l'Afghanistan, è un nascondiglio di militanti islamici da decenni. Molti dei militanti talebani e di al Qaeda vi hanno trovato rifugio dopo aver lasciato l'Afghanistan dove i soldati Usa danno loro la caccia dopo gli attacchi dell'11 settembre.

Gli attacchi di oggi giungono due giorni dopo che 3.000 militanti hanno manifestato vicino a Khar, per dimostrare il loro appoggio a bin Laden e Omar.

I colloqui di pace fra i veterani della tribù e i militanti, sulla scia del fallimento di un accordo il mese scorso nel Nord Waziristan, si sono congelati, secondo quanto riferito dagli esponenti religiosi locali.

Regione montagnosa difficile da penetrare, Bajaur si trova di fronte alla provincia orientale afghana di Kunar, dove i soldati Usa stanno dando la caccia ai militanti talebani e di al Qaeda.

L'esercito pakistano è schierato al confine, a Bajaur, ma le responsabilità per la sicurezza interna della regione sono lasciate alla polizia e alle milizie locali.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Doppio gioco pachistano
Le nuove strategie di Musharraf in Afghanistan
di Elisa Giunchi su Lettera 22 del 17/10/2006
Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006

In biblioteca

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0