Da La Nuova Ecologia del 18/07/2006
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/inquinamento/nucleare/6119.php

Energia: il G8 punta sul nucleare

In disaccordo quasi su tutto Bush e Putin si ritrovano sulla politica energetica. Il comunicato congiunto di Legambiente, Forum Ambientalista e Contratto Mondiale Energia

In disaccordo su quasi tutto Bush e Putin si ritrovano invece, nel mettere al centro della loro politica energetica, il nucleare. Coprendolo con la necessità di impedire la proliferazione a scopi terroristici si impegnano proprio per rilanciare il nucleare civile.

Una cattiva scelta, del tutto opposta a quella necessaria e cioè il risparmio energetico, lo sviluppo della produzione da fonti rinnovabili, coerenti con il rispetto del protocollo di Kyoto nel rispetto del clima e della sicurezza ambientale. Ci auguriamo che l'Europa e l'Italia, il cui programma di governo non prevede il ricorso al nucleare, ma poltiche orientate alla riduzione della domanda di energia, di sviluppo delle rinnovabili, e di riduzione delle emissioni climalteranti come indica il protocollo di Kyoto, non seguano questa strada.

Il nucleare non risponderebbe comunque ai bisogni energetici dell'umanita', per la scarsita' dell'uranio, l'alto impatto ambientale derivante dal trattamento del combustibile e delle scorie. Le illusioni di un nucleare sicuro si sono finora dimostrate inattendibili con il fallimento del programma di reattori superveloci e l'aleatorieta' della “fusione”. Esso risponde invece a due motivazioni fondamentali: essere premessa degli armamenti nucleari; imporre una gestione centralizzata e militarizzata della catena energetica. Elementi questi, che garantiscono ai paesi militarmente piu' potenti di dominare il resto del Pianeta. E' quindi inaccettabile la proposta di uscire dai fossili rilanciando il nucleare.

Elettricità e calore vanno invece prodotti con le risorse solari e utilizzati con razionalità, efficienza e senso del limite. Solo così si può garantire a tutti l'accesso all'energia e di conseguenza combattere la povertà ed il sottosviluppo, limitare i cambiamenti climatici e l'inquinamento dell'aria che l'attuale tipo di sviluppo produce, limitare l'impatto ambientale e sociale della produzione e trasformazione di energia su larga scala, ivi inclusa la realizzazione di grandi dighe.

Decentralizzando la produzione di energia si favorisce democrazia e partecipazione perché sole, vento, biomasse, più in generale le rinnovabili, sono fonti distribuite sul territorio, non monopolizzabili, come invece petrolio, carbone, metano e nucleare. Creando le condizioni per ridurre le cause di guerra e di terrorismo che stanno sconvolgendo la Terra.

Maurizio Gubbiotti - Legambiente
Ciro Pesacane - Forum Ambientalista
Gianni Naggi - Contratto Mondiale Energia

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Vertice del G8. Firmato un accordo con l'obiettivo di ridurre la dipendenza dal Medio Oriente. Veto alle armi di distruzione di massa per Iran e Corea del nord
Patto Bush-Putin: il futuro è il nucleare
Sfida agli sceicchi del petrolio. In Russia centrali e scorie, agli Usa la ricerca sui sistemi di riciclaggio
di Maurizio Molinari su La Stampa del 18/07/2006

News in archivio

Energia: bene le alternative ma.... il nucleare non è un'alternativa
Presentato su Science uno studio - portato avanti anche da un ingegnere italiano - per ridurre l'uso dei combustibili fossili negli Usa
su Greenreport del 13/09/2006
Bush: ''Una ristretta elite religiosa tiene in ostaggio il Paese''
Per analisti russi l'Iran avrà armi nucleari entro il 2011
Lo sostiene un think tank vicino al Cremlino. L'Ue torna a chiedere che l'arricchimento dell'uranio venga sospeso ''per poter dialogare con calma''
su Adnkronos del 03/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0