Da Agenzia Fides del 05/06/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=9718&lan=ita

Pakistan: conversioni forzate all’islam

Denunce dei cristiani e delle altre comunità religiose di minoranza

Lahore - Il fenomeno delle conversioni forzate all’islam sta creando preoccupazioni nella comunità cristiana e in altre minoranze religiose del Pakistan.

Di recente un forum di leader religiosi ha scritto un documento dal titolo “Conversioni forzate di donne e diritti delle minoranze in Pakistan” che ha lanciato l’allarme per una pratica che si diffonde con crescente capillarità nel paese, soprattutto a scapito di donne e bambini. Fra i firmatari del documento, Mons. Joseph Cutts,Vescovo di Faisalabad, ha notato: “E’ triste constatare che le minoranze religiose, in particolare i cristiani e gli indù, non possano godere dell’uguaglianza dei diritti, un principio sancito nella Costituzione del Pakistan”.

A essere interessate dal fenomeno delle “conversioni forzate” sono soprattutto le province del Punjab, della Frontiera di Nord Ovest e del Sind, dove è diffuso un islam integralista che vede la presenza di comunità religiose diverse come “corpi estranei” nella società pakistana. Spesso la bassa condizione sociale delle comunità cristiane, indù e sikh, è un elemento sfavorevole: i grandi proprietari terrieri, tutti musulmani, chiedono ai contadini di convertirsi all’islam prima di dare loro un lavoro oppure, forti del loro potere economico e politico, sequestrano giovani donne, le costringono a convertirsi all’islam e le prendono come mogli.

Secondo diverse organizzazioni non governative che monitorano la situazione dei diritti umani in Pakistan, il fenomeno delle conversioni forzate all’islam è diffuso e molto preoccupante, soprattutto perché nessuno cerca di mettere un freno alla pratica, e si agisce nella più completa impunità. I leader delle associazioni civili e i leader religiosi hanno deciso di stilare un documento che raccolga gli episodi più eclatanti, di sottoporlo alle autorità civili e politiche, di lanciare una campagna di pressione internazionale.

La Chiesa in Pakistan, attraverso la Commissione “Giustizia e pace” e la Caritas è in prima linea in questa lotta e da anni sta conducendo una campagna a largo raggio in difesa delle minoranze religiose. Fra le proposte in agenda, vi è l’abolizione della “legge sulla blasfemia”, ritenuta ingiusta, iniqua e discriminatoria. In Pakistan, su 156 milioni di persone, la popolazione è al 96% musulmana. I cristiani sono il 2,5% (circa 1,2 milioni i cattolici), gli indù l’1,5%.

Sullo stesso argomento

News in archivio

su Agenzia Fides del 05/07/2006
India: non entra in vigore in Rajasthan la legge anti-conversioni
Il Governatore la rinvia all'assemblea legislativa
su Agenzia Fides del 22/05/2006
Una delegazione di leader religiosi al governo dell’Unione Indiana
India: bloccare la legge anti-conversioni approvata in Rajasthan
su Agenzia Fides del 09/05/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0