Da Agenzia Fides del 22/05/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=9593&lan=ita

India: non entra in vigore in Rajasthan la legge anti-conversioni

Il Governatore la rinvia all'assemblea legislativa

Jaipur - E' una piccola vittoria per la comunità cristiana in Rajasthan, che lascia aperti spiragli di speranza: la sig.ra Pratibha Patil, Governatore dello stato, non ha firmato il decreto anti-conversioni approvato il 7 aprile scorso dal Parlamento e lo ha rinviato alla stessa assemblea. Per effetto di questa mancata ratifica, il provvedimento non entra in vigore e, almeno per ora, non ha dunque forza di legge.

“E' stato un atto di coraggio, che ha un valore maggiore perché viene da un Governatore donna”, hanno detto le minoranze religiose, visibilmente soddisfatte anche per la motivazione data dal Governatore, che ha sottolineato come “il decreto colpisca la libertà di religione dei cittadini”.

Il provvedimento di legge, approvato dal governo dei Baratiya Janata Party, nonostante l'opposizione del Partito del Congresso e anche di alcuni settori della maggioranza, vieta le conversioni operate con l'inganno o con mezzi fraudolenti, e prevede per i colpevoli il carcere pene fino a 50mila rupie.

Contro la legge si erano già espressi i leader religiosi cristiani di diverse confessioni e musulmani in Rajasthan, che avevano rivolto un appello al governo federale dell'Unione Indiana, chiedendo di non dare il proprio assenso alla legge. Essa, hanno detto i leder religiosi, viola gli articoli n. 19 e n. 25 della Costituzione Indiana, che garantiscono libertà di religione per tutti i cittadini. “Il documento è parte dell'agenda nazionalista e intollerante del Baratiya Janata Party”, hanno sottolineato, notando che il provvedimento vieta le conversioni dall'induismo ad altre religioni, ma riconosce il diritto di passare da altre religioni all'induismo.

I leader religiosi si sono anche incontrati pubblicamente in una piazza di Jaipur, capitale dello stato del Rajasthan, e hanno ricevuto la solidarietà di numerosi fedeli di diverse religioni, di cittadini di religione indù, di rappresentanti di movimenti e associazioni, anche di alcune autorità civili. Fra gli stati dell'Unione Indiana, simili provvedimenti sono in vigore in Orissa, Madhya Pradesh, Gujarat, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Quando buddhista fa rima con razzista
Centomila profughi cacciati dal Bhutan perché induisti e di sangue "non puro". E rinchiusi in una città lager. Reportage su un caso di pulizia etnica quasi sconosciuto in Occidente
di Alessandro Gilioli su L'Espresso del 26/02/2006

News in archivio

Una delegazione di leader religiosi al governo dell’Unione Indiana
India: bloccare la legge anti-conversioni approvata in Rajasthan
su Agenzia Fides del 09/05/2006
su Agenzia Fides del 05/07/2006
Pakistan: conversioni forzate all’islam
Denunce dei cristiani e delle altre comunità religiose di minoranza
su Agenzia Fides del 05/06/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0