Il vento di Kabul. Cronache afghane

Edito da Baldini Castoldi Dalai, 2006
367 pagine, € 17,50
ISBN 8884909600

di Tiziana Ferrario

Quarta di copertina

Un viaggio nell’Afghanistan del 2006, a quasi cinque anni dall’attacco alle Torri Gemelle, l’inizio della guerra al terrorismo e la caduta del regime dei talebani. Gli incontri con i suoi abitanti e con quelle donne che ancora oggi, nonostante siedano in Parlamento, continuano a essere cedute, scambiate, imprigionate, accusate di reati come l’adulterio o la fuga da casa.

Un viaggio per capire perché la pace e la stabilità siano ancora così lontane nella terra che ha ospitato Osama Bin Laden e i campi di addestramento di Al Qaeda, nel Paese che la Casa Bianca considera un modello di «democrazia da esportazione», lo stesso che sta cercando di applicare in Medio Oriente. I marine americani e i soldati della Nato sono dispiegati in tutte le province, eppure la guerriglia talebana ha rialzato la testa e si è riorganizzata, mentre sono comparsi i kamikaze, realtà prima mai espressa dalla storia afghana, neppure durante i lunghi anni di guerra. L’Afghanistan dipende totalmente dagli aiuti internazionali, rimane il maggiore produttore di oppio al mondo ed è tuttora pieno di armi, con circa 1800 gruppi di milizie private. La libertà di stampa esiste solo sulla carta ed è costantemente nel mirino di giudici conservatori, pronti a imprigionare i giornalisti che violano i sacri principi dell’Islam.

Dalla riflessione schietta e appassionata dell’autrice emerge il ritratto dell’Afghanistan come un caso non risolto. Un Paese in cui il concetto stesso di democrazia è messo in discussione di continuo dalle tradizioni di una società tribale.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La OTAN reconoce haber matado a civiles en un bombardeo en Afganistán
Las autoridades afganas acusan a la Alianza de matar a 63 civiles por error
su El Pais del 27/10/2006
Doppio gioco pachistano
Le nuove strategie di Musharraf in Afghanistan
di Elisa Giunchi su Lettera 22 del 17/10/2006

News in archivio

E' stata freddata con colpi di arma da fuoco mentre andava al lavoro
Afghanistan: uccisa rappresentante delle donne
Uomini in moto hanno assassinato Safia Ama Jan, responsabile delle questioni femminili nella provincia che fu culla dei talebani
su Corriere della Sera del 25/09/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0