Anime perse? Percorsi di vita di sette detenuti in regime di massima sicurezza

Edito da San Paolo Edizioni, 2006
144 pagine, € 10,00
ISBN 8821556697

Quarta di copertina

Il libro introduce e accompagna il lettore in un carcere di massima sicurezza: un microcosmo complesso, popolato da uomini che vivono un'esistenza molto difficile, in un contesto nel quale vigono norme e regole ben diverse da quelle della società comune.
L'incontro, in un settore di massimo isolamento, con sette detenuti che hanno voluto ripercorrere la propria vita, offre al lettore la possibilità di comprendere come e perché un'esistenza normale possa interrompersi e drammaticamente modificarsi fino a diventare una vita diversa..., «una vita da criminali». Le riflessioni dei detenuti fanno intuire che, attraverso un sofferto percorso di recupero, ogni individuo, anche il più malvagio, può comprendere i propri errori, pentirsene e ambire a un futuro da uomo migliore.
Recensione

Il carcere rappresenta nell’immaginario di molte persone un limbo in cui accantonare l’esistenza di chi si è macchiato di colpe e reati, gravi o meno che siano. L’espressione limbo non è usata a caso, perché i detenuti compiono un irreversibile processo di allontanamento dalla considerazione in società. Infatti, al di là delle strutture carcerarie addette e di sparuti gruppi di volontari, il rapporto che li lega al mondo “di fuori” è connotato dalla più totale indifferenza se non dall’ostilità.

Benvenuto allora è tutto ciò che ci porta a maggior comprensione del fenomeno carcerario ma, soprattutto, delle storie e dei percorsi delle persone recluse. Come è ben spiegato da suor Maria Fabiola Catalano, coordinatrice del gruppo di volontari cui appartiene Gianfabio Scaramucci, il curatore di questo libro, l’intento «non è dettato da un perbenismo borghese ma è il risultato di sei anni di lavoro di un cesello coraggioso […] un percorso molto faticoso [che] dalla diffidenza iniziale [ha portato] all’aiuto reciproco che i detenuti si danno tra loro».

Attraverso queste pagine i volti delle persone, le cui gesta sono spesso narrate nelle vicende di cronaca nera metropolitana, acquisiscono carne e sostanza, contribuendo a ridurre quel di più di pena dovuto alla spersonalizzazione e all’oblio.

Filippo Di Blasi
Annotazioni

A cura di Gianfabio Scaramucci

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I detenuti in Italia sono quasi 60 mila, tra cui 50 bimbi con meno di 3 anni
Il 27% dei carcerati è tossicodipendente
Extracominutario il 33% della popolazione carceraria. Le donne sono il 4,7%. I malati di Aids sono il 2,5% ufficiali, ma il triplo reali
su Corriere della Sera del 01/03/2006

News in archivio

«La Camera può votarlo in tempi rapidissimi, prima della chiusura estiva»
Italia: Bertinotti «L'indulto è una priorità assoluta»
«Non si vive in maniera umana nelle carceri italiane: pensiamo quanto drammaticamente possano subire questo caldo torrido»
su Corriere della Sera del 24/07/2006
Burundi: da bambini soldato a bambini carcerati
Il dramma degli ex piccoli combattenti delle Forze Nazionali di Liberazione nelle carceri burundesi
su Agenzia Fides del 21/06/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0