Da Corriere della Sera del 18/11/2005

La deputata olandese di origine somala continua il progetto per il quale è stato ucciso Theo Van Gogh

Gay e Islam, il seguito di Submission

L’autrice Ayaan Hirsi Ali: «Regista e attori non saranno riconoscibili»

di Alessandra Coppola

I titoli di coda, questa volta, saranno ridotti all’essenziale. La lezione di Submission , dice Ayaan Hirsi Ali, «l’ho imparata» e adesso per la Sottomissione parte seconda le cose andranno in maniera diversa: «Di sicuro, non ci sarà il nome del regista. E gli attori non saranno riconoscibili». A un anno dalla morte di Theo Van Gogh, ucciso da un estremista islamico in una via di Amsterdam, la parlamentare di origine somala - coautrice di quel primo cortometraggio - annuncia il seguito della sfida, concedendo solo un’anticipazione: «Nel film i gay saranno chiamati creature di Dio».

Dopo la violenza sulle donne - con le immagini di ferite e versetti del Corano tracciati su una nuda schiena femminile - Ayaan Hirsi Ali affronta la discriminazione degli omosessuali nel mondo musulmano. Ed è pronta a ricevere nuove accuse di blasfemia. Anche questo, dice alla tv danese, è un modo per accelerare sulla via della «riforma dell’Islam».

Ex bambina costretta dalla nonna alla mutilazione genitale, ex promessa sposa fuggita prima delle nozze, ex profuga in Canada e in Europa (il padre era un oppositore del regime di Siad Barre), Ayaan - «fortunata» nella sua lingua madre - è oggi a 36 anni una leader politica riconosciuta, deputata in Olanda del Partito liberale, inserita da Time Magazine tra le 100 persone più influenti del mondo per il 2005.

Ogni tappa della vita passata si è trasformata in un punto nella sua agenda di lotta. La sua «missione», la chiama lei in un’intervista a Die Welt : «Sono probabilmente la prima donna musulmana della mia generazione che ha subìto pratiche come il taglio del clitoride e il matrimonio forzato e può articolare le sue opinioni in pubblico». Se dovesse definirsi, direbbe di essere «qualcuno che pensa ad alta voce, forse a voce troppo alta...». Del tutto consapevole del forte rischio di critiche.

Il primo Submission è stato accusato di essere inutilmente offensivo nei confronti dell’Islam. Controverse molte posizioni da lei sostenute in Parlamento: ritiene, per esempio, che non si debba permettere ai figli degli immigrati di imparare la lingua dei genitori e di praticare la religione del Paese d’origine («Il punto è aiutare questi bambini a inserirsi in Olanda nel modo più rapido possibile» spiega alla tv danese). Ad Amsterdam c’è chi la definisce una «provocatrice».

Tutto lecito fin qui, secondo Ayaan, paladina della libertà d’espressione: «Vengo da un Paese molto povero, la Somalia, dove non ho mai saputo che cosa significasse formulare la propria opinione. Mi sembra ancora piuttosto elettrizzante poter dire che cosa penso e che cosa provo. E anche il fatto che il governo mi protegga mi dà forza».

Il problema sorge quando le critiche diventano minacce. Anche di morte?, le chiede l’intervistatore di Die Welt . «Ne ricevo molte, soprattutto da ragazzi giovani. A volte anche da ragazze, spesso olandesi convertite all’Islam...». E da anni vive blindata. «Il mio privato è ridotto al minimo, ma non si può combattere costantemente: quando posso, cerco di trascorrere una serata piacevole con i miei amici, senza parlare di politica...».

È stato più difficile quando era in America e si sentiva «tagliata fuori» da tutto e da tutti: non le fu neanche permesso di partecipare al funerale del regista e amico Van Gogh. Dopo l’omicidio, il 2 novembre 2004, fu costretta per ragioni di sicurezza a rifugiarsi negli Stati Uniti. «Salman Rushdie m’aveva consigliato di rimanere lì, ma l’Olanda è il mio Paese. E ho preso un impegno in Parlamento fino al 2007». Così è tornata.

Lo choc della morte di Theo è passato. Le è rimasta la rabbia, dice. E la voglia «di andare avanti». «Come vedo il mio futuro? Vivere con la maggiore libertà possibile, e continuare a fare quel che faccio». La sceneggiatura di Submission 2 è pronta. Registi e attori l’hanno già contattata per partecipare al progetto.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

«Troppe libertà, in Olanda integrazione fallita»
Nel Paese delle 187 etnie: la tolleranza? E’ stata solo indifferenza. L’islam è qui per restare
di Magdi Allam su Corriere della Sera del 19/12/2004
Germania, test agli immigrati: «Cosa pensi dei gay?»
Un questionario su temi etici per gli islamici che chiedono la cittadinanza nel Baden-Württemberg
di Paolo Valentino su Corriere della Sera del 05/01/2006

News in archivio

Il ministro dell'Interno chiarisce che dovrà essere accettata da "tutti coloro che vorranno vivere stabilmente in Italia"
Islam: "La Carta dei valori non è soltanto per i musulmani"
Critiche all'Ucoii: "Mai detto che l'avremmo firmata oggi"
su La Repubblica del 03/10/2006
Non si placa l'indignazione per la citazione di Ratzinger contro Maometto. Il parlamento pakistano approva una mozione, convocato il nunzio apostolico
Cattolicesimo-islam: paesi musulmani contro Benedetto XVI "Papa ignorante, ritiri le frasi sull'Isla
Ma il neo-ministro degli Esteri della Santa Sede, Dominique Mamberti getta acqua sul fuoco: "Il dialogo con le grandi civiltà è una priorità"
su La Repubblica del 15/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0