Da Corriere della Sera del 06/10/2004

IL DOCUMENTO

I terroristi: le polemiche sulla scorta? Un successo imprevisto

di Giovanni Bianconi

ROMA - «L’attacco è stato portato a termine con un conseguimento pieno dell’obiettivo politico-militare. Tutte le forze sono state recuperate». E ancora: «I punti deboli che potrebbero costituire delle tracce per arrivare alla cattura delle forze sottoposti a valutazione non costituiscono fattori di rischio significativo». A due mesi dal delitto, nel rigido linguaggio militare che sembra ereditato dai bollettini dell’esercito, le Brigate rosse scattarono la loro «fotografia» dell’omicidio Biagi. Ventuno pagine di «Bilancio politico organizzativo del passaggio di costruzione e realizzazione dell’azione B.» datate maggio 2002 - estratte dai computer della «pentita» Cinzia Banelli, dopo che la donna ha fornito agli investigatori le password per violarne i segreti - per dire che tutto era andato sostanzialmente bene, sia sul piano operativo che su quello della propaganda. «La gestione politica ha avuto esito positivo - scrivono i brigatisti -, realizzando un grado di diffusione dei contenuti di linea e proposta politico-strategica che ha superato le censure dei mezzi di comunicazione borghesi». Dal carcere «le forze prigioniere» avevano dato l’adesione auspicata, e l’assassinio del professore che rientrava a casa da solo per le nuove Br fu anche una risposta all’arresto di un brigatista della generazione precedente, Nicola Bortone, individuato in Svizzera dove viveva con la compagna al termine di una lunga latitanza e 9 giorni prima del delitto: «E’ stato contrastato il vantaggio ottenuto dalla controrivoluzione con la cattura di un militante rivoluzionario».

Non tutto, la sera del 19 marzo 2002, andò come programmato, ma questo non impedì ai brigatisti di uccidere Biagi: «La realizzazione dell’azione è stata possibile anche se si sono prodotte alcune circostanze non previste nella pianificazione che per motivi occasionali hanno comunque consentito di realizzare l’azione in quella data». Quali fossero quelle circostanze nel documento non è specificato. Nel bilancio delle Br rientrano invece, sotto le voci positive, le polemiche sulla mancata protezione del professor Biagi.

«Sono stati ottenuti - annotano i brigatisti - anche obiettivi non previsti in tutte le implicazioni, favoriti dall’inefficienza dell’attività preventiva delle forze di polizia e dalle incongruenze nella gestione politica di tali inefficienze, che l’iniziativa rivoluzionaria dell’O. (organizzazione, ndr ) ha fatto esplodere sgretolando e indebolendo la funzione di deterrenza e di minaccia degli apparati repressivi dello Stato... Per di più l’azione si è compiuta nonostante l’allarme dato nella relazione dei Servizi (quella pubblicata da un settimanale nei giorni precedenti l’omicidio, ndr) e l’effetto deterrente che ipoteticamente avrebbe potuto esercitare».

La vicenda della scorta a Marco Biagi, assegnata nel luglio 2000 e tolta nel settembre 2002 nonostante le proteste del consulente del ministro Maroni, ha fornito ai brigatisti alcuni «insegnamenti» per il futuro: «Un problema specifico rilevato a posteriori è che un soggetto può essere scortato temporaneamente e non permanentemente; quindi potrebbe essere inchiestato in un periodo e notata una situazione che potrebbe essere la modificazione di una situazione precedente diversa, oppure potrebbe essere transitoria e mutare. Questo implica che si abbia un atteggiamento preventivo rispetto a questa eventualità, evitando le esposizioni e prendendo contromisure».

L’accenno al rilevamento «a posteriori» significa che le Br cominciarono a seguire i movimenti di Biagi quando già non era più scortato. In un altro passaggio del documento, tuttavia, si legge che l’eventuale protezione del «soggetto» non deve portare ad abbandonare l’obiettivo: «E’ stato riscontrato come la presenza di una scorta possa essere un fattore mutevole, per cui la sua presenza potrebbe non essere pregiudicante rispetto allo sviluppo di un’ipotesi di intervento», anche se poi arriva l’ammissione: «Una scorta rispetto a cui non fosse possibile esercitare un rapporto di forza adeguato potrebbe essere considerata come un fattore dissuasivo per il rischio programmatico che si potrebbe determinare qualora la situazione restasse invariata».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

La doppia esplosione al mattino. L´attenzione degli inquirenti sulle formazioni eversive più movimentiste. Maroni: fatto gravissimo
Milano, allarme per le nuove Br
Due bombe carta nel centro contro un´agenzia di lavoro interinale
di Claudia Fusani su La Repubblica del 31/10/2004
Diecimila pagine nei files. Quattro i siti in Toscana, già svuotati dalle Br
Nel computer della Banelli le mappe dei depositi di armi
Nei "covi" toscani soldi, carte di identità, detonatori, tritolo, proiettili e armi
di Claudia Fusani su La Repubblica del 21/09/2004

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

Bologna ricorda Biagi, cerimonie separate
Prima l'omaggio di Cofferati, poi quello di Boselli e Bonino. Prodi alla messa voluta dagli amici
di Vittorio Monti su Corriere della Sera del 20/03/2006
Br, scontro sulla protezione della Banelli
Niente programma per la pentita: la Procura insiste con il Viminale
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 24/10/2005
Parla l’ex terrorista Cinzia Banelli: «Un giorno le Br potrebbero tornare»
«Il mio ultimo esame sui libri di Biagi quattro giorni prima di essere arrestata»
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 23/10/2005

Notizie in archivio

L'uomo stava per partire per la Francia: preso a Incisa Valdarno
Brigate Rosse, arrestato Matteini. Aveva compiti di reclutamento
Decifrato l'archivio della Banelli: è lui il compagno "Antonio"
su La Repubblica del 09/12/2006
Emesso il verdetto contro i brigatisti accusati dell'assassinio del giuslavorista
Omicidio Biagi, la sentenza di appello. Quattro ergastoli, ridotta la pena a Boccaccini
Ridotta la pena ad un complice. La vedova: "Riconosciuta la giustizia"
su La Repubblica del 06/12/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0