Da Il Manifesto del 08/09/2004

La palude di Vladimir Putin

di Giulietto Chiesa

Tutte le domande sulla tragedia di Beslan sono ancora aperte e si può essere certi che lo resteranno a lungo. Ma non occorre molto ingegno per rispondere all'evidenza. Vladimir Putin deve fare i conti non solo con la Cecenia e il terrorismo che ne promana. Constata - in questo nel giusto - che la Russia intera è il problema. Un paese che, a tredici anni dal crollo dell'Unione Sovietica, non riesce a uscire dalla palude economica, sociale, morale in cui si trova. Soprattutto morale, perché non c'è alcun dubbio che un paese con quella polizia, con quell'esercito, con quei servizi segreti, con quella burocrazia e con quella politica corrotta che ha, non può fronteggiare né il terrorismo né i compiti più elementari di una società civile.

Putin - concediamogli in questo la buona fede - vorrebbe risanare il paese. La questione che si pone è quella, storica, di tutti i reggitori del potere che lo hanno preceduto: con che misure, metodi, politica fare questo risanamento? Gorbaciov, unico, scelse di tentare la strada democratica. E fu sconfitto. Ma gli altri hanno fatto meglio? Hanno vinto, come Eltsin, come Putin. Ma con l'autoritarismo, la violenza, la corruzione, l'inganno, la repressione non si può risanare nessun paese, nemmeno la Russia paziente e succube.

Putin - lo si vede ormai anche a occhio nudo - vuole ricostituire la grandezza e la potenza russa. Per questo sceglie di nuovo la via autoritaria. E, in economia, sostituisce gli oligarchi (che sono quasi tutti antirussi, del tutto insensibili agl'interessi nazionali) con uomini dell'apparato statale e con i suoi fedeli provenienti dai servizi segreti. Ma tutto lascia pensare che, liberandosi dei primi (cosa sicuramente utile e necessaria), possa fare affidamento sui secondi, che sono corrotti e incapaci non meno dei ladri che Eltsin ha portato al potere.

E' evidente che questa linea di Putin apre due problemi: in primo luogo aumenta i suoi nemici interni. Essi hanno da sempre avuto contatti con il terrorismo ceceno. Putin non può non sapere chi organizzò la seconda guerra cecena. Chiedere a Boris Berezovskij, chiedere ad Aleksandr Voloshin, che allora avevano importanmti uffici al Cremlino, prima che Putin diventasse molto potente. Sarebbe utile che orientasse le indagini in quella direzione. Non è sicuro, ma è molto probabile che potrebbe trovare qualcosa di interessante. Sarei curioso di sapere perché non lo ha fatto fino ad ora. Forse Voloshin potrebbe spiegargli cosa andò a fare, nell'estate 1999, nella villa di Adnan Kashoggi sulla Costa Azzurra e chi vi incontrò. Se non sbaglio si chiamava proprio Shamil Bassaev.

Il secondo problema è che parecchi oligarchi hanno molti rapporti con le banche occidentali, dove fanno arrivare i loro denari in grande quantità. Un regime nazionalista grande russo a Mosca non piace sicuramente né ai primi né alle seconde. Se i ceceni mettono nei guai Vladimir Putin, tutti costoro non ne saranno dispiaciuti.

Naturalmente questo ragionamento deve prevedere molti passaggi intermedi. Ma, una volta che si tenga conto di una lunga catena di intermediari, che arriva fino ai fanatici che eseguiranno il massacro, resta pur sempre la cruda realtà degl'interessi in gioco.

Come Leonardo Sciascia splendidamente descrisse, spesso non occorre neppure dare ordini, basta «far capire» e far arrivare i denari dove occorrono.

Del resto che diversi servizi segreti stranieri abbiano lavorato con i terroristi ceceni può stupire solo i troppo ingenui.

Le guerre cecene hanno «prodotto» l'oleodotto Baku-Ceyhan, che passa per la Georgia e la Turchia, bypassando la Russia. Se non ci fosse stata la guerra in Cecenia l'oleodotto era già pronto, e passava vicino a Groznij. Chi è che si sorprenderebbe scoprendo che i ceceni sono stati aiutati, per esempio dai servizi segreti turchi, interessati a colpire gl'interessi russi?

C'è qualcuno disposto a giurare che i servizi turchi non hanno rapporti con i servizi, per esempio israeliani, o statunitensi?

Ed è possibile immaginare che tra i consiglieri di Putin nessuno abbia letto i saggi di Brzezinski, e di molti altri studiosi e sovietologi statunitensi, che insistevano e insistono sulla necessità di fiaccare la Russia, di dividerla e smantellarla prima che, eventualmente, faccia in tempo a rimettersi in sesto e a (ri)diventare temibile? E anche se non hanno letto quei saggi, o se li hanno dimenticati, possibile che non si siano accorti che la guerra afghana ha regalato agli Stati Uniti tre paesi dell'Asia centrale ex sovietica?

Forse Putin farebbe bene a procurarsi altri consiglieri. E anche a guardarsi le spalle, perché metà del KGB è rimasto filosovietico, ma l'altra metà (buon peso) della benemerita organizzazione si è immediatamente venduta al miglior offerente. E si sa come sono composte le squadre di sicurezza degli oligarchi.

Dunque la cosa più importante non è scoprire la dinamica degli avvenimenti delle ultime ore della tragedia di Beslan. Molto più importante è ricostruire i movimenti a Mosca e da qualche altra parte all'estero. Come negli Stati Uniti, e come dovunque, per combattere il terrorismo non occorre militarizzare il paese, cancellare le libertà civili, fare la guerra a questo o quello stato «canaglia», magari dentro il proprio territorio nazionale. Basta che quelli che devono fare le indagini le sappiano fare e non vengano impediti nel farle.

Putin ha ragione a parlare di minacce esterne, ma dovrebbe dire chiaro che Al Qaeda è, per lui, la più remota. Altre, più vicine, stanno diventando molto minacciose.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Natalia Khalkaieva arrestata nella sua casa a sud di Grozny mentre stava preparando un cinturone esplosivo
Cecenia, una giovane contadina la maestra delle kamikaze
di Giampaolo Visetti su La Repubblica del 23/09/2004
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0