Da La Stampa del 09/04/2003

Il braccio legato dei reporter

di Mimmo Candito

Un giornalista che va in guerra non pensa mai di morirvi. La morte gli viaggia accanto, ma lui le sfuggirà. Quasi sempre. Fino a qualche tempo fa, le guerre le combattevano i soldati. Poi si capì che le guerre le combattono anzitutto i massmedia. Dice il generale Jean: «Oggi l'informazione è l'arma più potente». E quando il generale Schwarzkopf partì per l'altra Guerra del Golfo, Bush (l'altro) l'ammonì: «Mi raccomando, Norman, non combattiamo più con un braccio legato dietro la schiena». Parlava del Vietnam, e dell'opinione pubblica che - per colpa dei giornalisti - aveva «legato il braccio» a Nixon. L'errore non andava ripetuto, nacque la guerra chirurgica, senza morti. I reporter non dovevano dare una sola immagine d'un soldato americano ucciso, o ferito. E fu così. Anche in questa guerra il Pentagono ha proclamato la guerra senza morti. Ne era tanto convinto da «incastrare» i giornalisti dentro le unità operative: avrebbero fatto da megafono per le sorti magnifiche della battaglia. Ma non c'è stata la sollevazione popolare irachena, ch'era l'elemento essenziale della guerra chirurgica; e sul campo, il presunto «megafono» s'è andato trasformando in imbarazzante testimone. Da lontano, le bombe intelligenti (esaltate su tutti i media) hanno fatto più o meno il loro lavoro. Ma ora si combatte dentro la città, e un comandante se ne fotte dei civili (e dei giornalisti) se i suoi uomini sono in pericolo. Cancellata la guerra chirurgica, si torna a Berlino e alla fine di un regno. «E' il diritto all'autodifesa», dice il generale Brooks. I giornalisti uccisi ieri non sono un bersaglio designato. In battaglia, un teleobiettivo viene sempre scambiato per il fucile d'un cecchino. Ma il lavoro che stanno facendo a Baghdad i reporter (di stampa e di tv o radio), raccontando la guerra di nuovo sporca, è una straordinaria testimonianza professionale in contrasto con le panzane della guerra asettica. Fino al 19 marzo i giornalisti morti sul campo negli ultimi dieci anni erano stati 413. Ora sono diventati 426, e due dispersi. Il racconto della realtà ha un costo.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Ora i marines si sentono sotto tiro
A Baghdad slogan anti-Bush, irruzione dei soldati nellĺhotel Palestine
di Vittorio Dell'Uva su Il Mattino del 16/04/2003
Dopo le rivelazioni sui contrasti tra generali e strateghi della "guerra leggera"
Il Pentagono nella palude. L'autodifesa di Rumsfeld
Il segretario alla Difesa: "E' presto per i necrologi"
di Vittorio Zucconi su La Repubblica del 31/03/2003
di Igor Man su La Stampa del 31/03/2003
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0