Da PC Open del 01/09/2006
Originale su http://www.pcopen.it/01NET/HP/0,1254,4s5009_ART_73084,00.html

I motori di ricerca fra semantica e Web 2.0

Tiscali sviluppa un motore semantico. Ask.com punta sul team di ricerca della sede di Pisa. Scopriamo la via italiana ai search engine

di Daniela Dirceo

"Nel futuro magari attaccheremo una piccola versione di Google direttamente al cervello. Sarà disponibile in vari stili e versioni e avremo accesso immediato a tutta la conoscenza del mondo". Questa "seducente" prospettiva, profetizzata da Sergey Brin, cofondatore assieme a Larry Page del motore di ricerca più famoso al mondo, potrebbe forse essere la soluzione al senso di frustrazione che spesso da navigatori del Web si prova ogni qual volta il risultato di una ricerca non centra il bersaglio…cosa che non capita poi così di rado.

Facciamo un esempio. Provate a digitare la parola apache su Google: i primi dieci risultati hanno solo a che vedere con il Web server open source. Ma la parola apache può essere anche riferita alla tribù di indiani d'America o al terribile elicottero da guerra, sfumature semantiche che la classica ricerca per parole chiave, che considera i documenti da filtrare mere stringhe di caratteri, non rileva, visto che opera in maniera troppo poco selettiva.

Nel frattempo la mole di dati digitali disponibili on line cresce vertiginosamente e la necessità di gestire la quantità di informazioni con metodi efficienti e rapidi è diventata impellente : secondo uno studio accreditato, il numero di pagine attualmente indicizzabili è di circa 14 milardi. Di queste, i quattro motori di ricerca più diffusi, vale a dire Google, MSN, Yahoo e Ask.com riescono ad indicizzarne solo il 30%. I margini di miglioramento, quindi, sia sul fronte della quantità delle informazioni reperite, sia su quello della qualità delle risposte, potrebbero essere significativi.

Per fare il punto della situazione e, più in generale, per confrontarsi sul futuro dei motori di ricerca, si è tenuto lo scorso giugno un seminario a Pula, in Sardegna presso il Parco Scientifico e Tecnologico Polaris: il workshop, denominato DART 2006 (Distributed Agent-based Retrivial Tools), organizzato da Tiscali in collaborazione con il CRS4 e l'Università di Cagliari (Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica - DIEE), ha riunito i principali player del mercato, quali Google, Yahoo e Ask, nonché i rappresentanti del mondo accademico italiano e internazionale e ha fatto emergere diverse iniziative interessanti.


QUAERO, UN EUROFIASCO

Una di queste è stata presentata da Pieter Van Der Linden, responsabile dello sviluppo del progetto Quaero, l'attesissimo motore di ricerca europeo, risposta del Vecchio Continente allo strapotere dei colossi mondiali della ricerca sul Web. L'anti Google europeo, nato dalla collaborazione tra società come Exalead, France Telecom, Thomson e il Gruppo Bertelsmann, nonché finanziato dal governo francese, ha approfittato della splendida ribalta mediterranea per fare la sua prima uscita ufficiale, dimostrandosi però piuttosto deludente.

Il progetto appare a oggi ancora troppo fumoso, privo di una strategia precisa, e dai tempi di realizzazione, cinque anni nelle parole di Van Der Linden, davvero spropositati per un settore che si muove velocissimo. In tutto questo si è anche venuti a sapere che il progetto "è bloccato per motivi amministrativi". Quindi, incassata la bocciatura degli esperti di quello che era stato definito dalla stampa internazionale l'euromotore "Google killer", si è passati ad un altro progetto, questa volta italiano, nato dalla collaborazione tra Tiscali, il CRS4, e il DIEE dell'Università di Cagliari.

"Si tratta di un progetto congiunto che ha l'obiettivo di offrire agli utenti strumenti innovativi mediante i quali poter reperire ogni tipologia di contenuto in rete e fruirne agevolmente in un contesto personalizzato" afferma Domenico Dato, responsabile ricerca e sviluppo di Tiscali e coordinatore del progetto. "Partiamo da un motore di ricerca semantico, quindi che sfrutta non il tradizionale sistema di "query" ma elementi di semantica. Sarà in grado, cioè, di capire le parole ricercate dagli utenti che potranno consultarlo ponendo domande in linguaggio naturale".

"Quattro saranno le principali linee d'azione che perseguiremo" prosegue Dato "e il motore semantico sarà solo una di queste. Creeremo un sistema ad architettura distribuita, dove ogni utente potrà contribuire mettendo a disposizione una piccola porzione della CPU del proprio computer, in modo da rendere il sistema più veloce ed efficace. Punteremo molto sulla personalizzazione nella distribuzione dei contenuti, che dovranno essere forniti in base alla posizione geografica, al profilo e alle preferenze dell'utente. Ed infine daremo molta rilevanza alle ricerche di contenuti multimediali".

Quando si parla di Web semantico, si intende un Web che possieda delle strutture di collegamenti più espressive di quelle attuali. Coniato per la prima volta nel 2001 da Tim Berners Lee, notoriamente uno dei padri del World Wide Web, il web semantico implica l'utilizzo di "agenti intelligenti" in grado di comprendere il significato dei testi presenti sulla rete e quindi capaci di guidare l'utente verso l'informazione ricercata, oppure di sostituirsi a lui nello svolgimento di alcune operazioni.

Semplice concettualmente, ma non altrettanto da realizzare nella pratica. " Il problema più grosso da affrontare è la potenza di calcolo" afferma Domenico Dato "che però sta costantemente aumentando. Ecco quindi che la nostra soluzione di sistema distribuito potrà attingere la potenza anche dalle CPU dei diversi utenti".

Ma non tutti sono della stessa opinione. Antonio Gulli, direttore Advanced Search Products di Ask.com infatti è scettico. "Di Web semantico se ne parla da tanto, ma fino ad oggi non abbiamo ancora visto nulla di funzionante. I miliardi di pagine attualmente indicizzate non hanno alcuna informazione catalogata in modo semantico e il lavoro da fare ancora è immenso". Ask.com, quindi propende più per una soluzione "alla Web 2.0" afferma Gulli, e cioè, sintetizzando al massimo, verso un Web dei servizi. La "fase 2" della vita della Rete la vedrebbe così trasformarsi da sterminata raccolta di risorse a piattaforma per far girare applicazioni, in una dimensione più aperta alla partecipazione degli utenti, visti non più come semplici clienti, ma anche partner e collaboratori.

In questo contesto si inserisce la strategia di Ask.com, che da notare, ha aperto il suo centro Ricerca e Sviluppo in Italia, a Pisa. La società americana sta investendo non poco su differenziazione e personalizzazione delle ricerche e ha lanciato lo scorso marzo la versione beta del popolare motore (www.ask.com).

Basato su algoritmo proprietario (ExpertRank), il motore è in grado di classificare i risultati non solo in base alla popolarità del link ma anche in base all'autorevolezza delle comunità tematiche che si occupano degli specifici argomenti ricercati dall'utente. "ExpertRank" afferma Gulli "lavora sulla segmentazione del Web in comunità di siti basati su specifici argomenti, e dà la precedenza a tutti quei siti che vengono riconosciuti come autorità nella specifica materia". Il metodo, così concepito, spesso procura risultati migliori dei ritorni massicci ma indifferenziati di Google.

Nella stessa strategia "social web" si inserisce quindi il rilascio dello scorso giugno del nuovo motore di ricerca per Blog e Feed, che va ad unirsi a quelli già disponibili per immagini (Ask Immagini) e mappe (Ask Mappe). Un motore di ricerca attualmente ancora di nicchia, ma in crescita e molto affidabile, tanto che Searchenginewatch.com, la Bibbia del settore, lo paragona a ciò che è Apple, con la sua ridotta ma fidatissima folla di seguaci, nei confronti del gigante Microsoft.

E visto che ci siamo, vediamo cosa sta succedendo in casa Redmond. Lo scorso novembre è stato lanciato Windows Live, sotto il segno, anche qui, della piattaforma multiservizio per gli utenti,che si affianca all'inossidabile MSN. Chiediamo la differenza tra i due strumenti. "Se possiamo utilizzare una metafora giornalistica" afferma Stefano Maruzzi, Strategy Director MSN Media Network International "MSN propone un percorso di lettura programmato da altri, simile ad un quotidiano, mentre Windows Live è la vista dell'utente sul mondo, la sua rassegna stampa". "Da novembre, data in cui è stato presentato" prosegue Maruzzi, il prodotto è cambiato.

Alla sua nascita doveva seguire il "modello Google", ma nel tempo l'idea è evoluta. Oggi per noi è il modo più appropriato per presentare un servizio: una finestrella di "search" vuota che può essere arricchita trasferendo contenuti dalle fonti più disparate, personalizzabile secondo i gusti e le esigenze dell'utente, che nella nostra visione ha familiarità con la rete e sa bene cosa gli serve".

Una serie di servizi Internet, quindi, personali e di software, ideati per riunire in un unico luogo tutte le relazioni (ad esempio con Live Messenger e Live Mail), le informazioni, le immagini e gli interessi che più contano per il singolo utente.

Stessa visione stile "Web 2.0" si ritrova in Yahoo, che ha deciso di usare la "ricerca sociale" per risolvere le richieste sempre più soggettive. Evitare la genericità a favore di contenuti originali ed eclettici, quindi, come avviene con MyWeb, engine del gruppo che, come afferma Massimo Martini, Country Manager italiano, "applica la linea che in Yahoo definiamo better search through people. Lo strumento, infatti, permette di accedere non solo ai propri risultati di ricerca ma anche a quelli della community di riferimento, con cui si decide di condividere la propria lista di siti Web".

Stessa filosofia sta dietro l'acquisizione da parte di Yahoo di Flickr (www.flickr.com) il servizio on line diventato in breve tempo il punto di riferimento di più di un milione di utenti di tutto il mondo per la condivisione di fotografie (oltre 37 milioni).

Insomma, la battaglia tra i motori e le rispettive filosofie è ancora aperta e in campo le forze sono davvero agguerrire. Il primo della classe dovrà riuscire a mantenere la posizione.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Nell'Oregon una «fortezza» elettronica grande come due campi di calcio
Google, un superpc per dominare Internet
La società californiana lavora a un cervellone capace di contenere tutto lo scibile umano. Obiettivo: sconfiggereYahoo e Microsoft
di Francesco Tortora su Corriere della Sera del 16/06/2006

News in archivio

Internet: Wikipedia sfida Google
Dal fondatore dell'enciclopedia sta per arrivare un nuovo motore di ricerca
su ITNews del 26/12/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0