Da RaiNews24 del 22/11/2005
Originale su http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=58074

Iraq. Rainews24: gia' nel 1991 il fosforo era "arma chimica" secondo un rapporto del Pentagono

Un documento del 1991 inviato dall'intelligence al Pentagono parla dell'uso di armi chimiche da parte dell'esercito di Saddam Hussein contro i curdi. Queste armi chimiche sono di fatto il fosforo bianco.

Sigfrido Ranucci, il giornalista di RaiNews24 che ha realizzato l'inchiesta sul bombardamento di Falluja, porta nuovi documenti a sostegno della tesi che nella città sunnita dell'Iraq si sia fatto largo uso di fosforo.

In una conferenza stampa in cui è stata presentata la testimonianza di Mohamad Tarq Al-Deraji, direttore del centro per i diritti umani di Falluja, Ranucci ha ricordato che gli Stati Uniti definiscono il fosforo bianco come "arma chimica" in un rapporto del Pentagono del 1991, nel quale si parla delle armi usate da Saddam Hussein contro i curdi iracheni.

Ranucci ha esibito il "rapporto del Pentagono trovato questa mattina su internet dal nostro collega di Rai News Vittorio Di Trapani. Quel documento - spiega - parla del fosforo bianco usato da Saddam contro i curdi e lo classifica come arma chimica".


AL-DERAJI CHIEDE UN'INCHIESTA INTERNAZIONALE

"Se davvero gli americani non hanno commesso crimini, perchè non autorizzano un'inchiesta indipendente del congresso Usa? Perchè dicono no ad una commissione di inchiesta internazionale sull'uso del fosforo bianco a Fallujah?", si è chiesto Mohamed Tareq al-Deraji nel suo giro in Europa mirato alla ricerca di contatti e sostegno per portare il caso Fallujah davanti alla Corte Internazionale dell'Aia e alla commissione per i diritti umani dell'Onu a Ginevra.

Alla stampa italiana, Al-Deraji ha raccontato della determinazione della sua organizzazione, istituita a gennaio 2004 per "dare una risposta ai crimini degli americani contro i civili iracheni", "assolutamente autonoma dai partiti politici", "finanziata da organizzazioni internazionali con le quali collabora". Al-Deraji chiede "un'inchiesta internazionale sull'uso del fosforo a Fallujah" e denuncia il ritrovamento dei "cadaveri con i vestiti intatti e le membra disciolte apparentemente dall'uso di sostanze chimiche" a Fallujah. Circa "300 corpi così conciati - continua - sono stati raccolti dalle forze americane, che li hanno ammassati in un magazzino, fotografati e numerati per le procedure di identificazione". Foto che sono state raccolte in un "cd, consegnato all'ospedale e poi sparito nel nulla. Per fortuna che un medico ne ha fatto una copia".

Al-Deraji ha parlato parla inoltre dell'esistenza di una "fossa comune in una delle periferie di Fallujah" e di "resti di corpi abbandonati in diverse zone limitrofe, cui è vietato l'accesso". Si tratta, secondo una "prima stima", di "700 corpi, tra i quali 500 di donne e bambini".


"POTEVA ESSERE EVITATA"

Per al-Deraji, il punto è che la battaglia di Fallujah "poteva essere evitata". Racconta: "Come membro del consiglio della città, ero in riunione con gli americani quando è avvenuto l'omicidio dei 4 imprenditori statunitensi che ha scatenato l'offensiva Usa. Abbiamo cercato di convincere gli americani a non attaccare Fallujah e a limitarsi all'arresto dei responsabili. I marines avevano anche le loro foto. Nulla da fare: il generale Tollan della prima divisione dei marines ci rispose di aver ricevuto l'ordine dal Pentagono di bombardare Fallujah e dopo è stata la catastrofe".


TARGA DALLA POPOLAZIONE DI FALLUJA

Una targa di ringraziamento per aver realizzato un video che altre televisioni, comprese quelle arabe, non hanno avuto il coraggio di trasmettere. La targa è stata consegnata al direttore di Rainews24, Roberto Morrione, e all'autore del documentario, Sigfrido Ranucci, dal direttore del centro per i diritti umani di Falluja, Mohamad Tarq Al-Deraji con tutta la riconoscenza della popolazione civile della città irachena, bombardata ripetutamente dalle forze Usa.

Sullo stesso argomento

News in archivio

El Baradei: ''Pochi sforzi da Consiglio di Sicurezza per affrontare minaccia nucleare''
Iran: Ahmadinejad ''Sì a colloqui con Usa su Iraq, ma non ci fidiamo''
Il presidente iraniano: ''Gli americani cercano di seminare zizzania tra i Paesi islamici e renderli dipendenti dagli Usa''
su Adnkronos del 25/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0