Da La Repubblica del 07/09/2005
Originale su http://www.repubblica.it/2005/b/rubriche/glialtrinoi/rzbs/rzbs.html

Mc Talibe 2, la vendetta contro i razzisti sul bus

di Giovanni Maria Bellu

Sì, è proprio un titolo logoro, una delle tante frasi fatte della routine giornalistica. Ma "Mc Talibe 2, la vendetta" in questo caso specifico è la pura descrizione del fatto. Anzi, del fatterello, perché si è trattato di una vicenda piccola, anzi piccina, e un po' penosa.
D'altra parte, aveva le stesse caratteristiche anche la precedente. In poche parole, accadde questo.

Serigne Sira Seck (è questo il vero nome di Mc Talibe), senegalese di 27 anni che dal 2001 risiede in Italia, affermato disk jockey, cantante, produttore musicale, all'inizio dell'estate, per fare uno scherzo radiofonico, rispose ad un annuncio e chiese di prendere in affitto una casa al mare in Sardegna. Gli rispose una signora che, non appena seppe la sua nazionalità, gli disse che la casa non era più disponibile. Ma, pochi minuti dopo, un amico italiano di Mc compose lo stesso numero, si presentò come un "dottore di Brescia" e, come per incanto, la casa tornò ad essere disponibile. Radio Sintony mandò in onda, una dopo l'altra, le due telefonate e così impartì ai suoi ascoltatori una piccola lezione di razzismo quotidiano che suscitò una certa indignazione.

Bene, la scorsa settimana a Mc ne è capitata un'altra, dello stesso genere della precedente. Protagonista, tra l'altro, sempre una signora, una donna sui cinquant'anni, vestita con sobria eleganza, il viso seminascosto da un paio d'occhiali da sole di marca. Era seduta sul bus che fa la spola tra l'aeroporto di Malpensa e la stazione centrale di Milano. Il bus era pieno, ma accanto alla signora c'era un sedile vuoto.

"E' libero?", ha domandato Mc che era appena sceso dall'aereo proveniente da Cagliari.

"No", ha risposto la donna senza neanche guardarlo in faccia, depositandovi sopra la sua borsa, per ribadire quando aveva appena detto.

"Allora - racconta Mc Talibe - sono rimasto in piedi, accanto a quel sedile. Non era passato nemmeno un minuto quando un'altra donna è salita sul bus e ha rivolto a quella signora la stessa domanda che le avevo appena fatto io. Ha risposto che il posto era libero, ha spostato la borsa e ha fatto accomodare la donna".

Ora bisogna sapere che Mc Talibe è un ragazzo dai modi gentili, un ragazzo molto educato. Ma è anche uno che le cose non le manda a dire. E' un tipo diretto. E subito ha chiesto alla signora perché mai gli aveva detto che la sedia era occupata quando invece non lo era. Non è arrivata una risposta, ma solo un mugugno incomprensibile. Mc ha insistito. E altre persone, che avevano assistito alla scena, l'hanno fatto con lui. "Dicevano a quella signora che aveva sbagliato, che così non ci si comporta".

Poi, a quanto pare, la signora ha detto quella frase. Sì, roba da non credere. Una di quelle cose che sono tanto perfette da rischiare di apparire inventate da uno sceneggiatore pigro. Ebbene, ha detto proprio 'Lei non sa chi sono io". "Neanche lei lo sa", ha replicato Mc. E, visto che l'aveva con sé, ha aperto un giornale che parlava di lui, dove c'era anche una sua fotografia. La signora non ne è rimasta molto colpita, tanto che ha detto: "Non me ne importa un c.". Ma altri passeggeri sì, in particolare alcuni ragazzi neri. Erano molto arrabbiati. Mc li ha invitati a stare calmi. E' andato dall'autista, che in parte aveva seguito la scena. Ha chiamato la polizia, ha raccontato quel che era accaduto. E poi lo stesso autista ha fatto altrettanto.

Devono essere stati convincenti visto che, all'arrivo alla stazione, la polizia li attendeva. Tutti i passeggeri sono scesi, la signora no. I poliziotti l'hanno identificata, le hanno chiesto spiegazioni sul suo comportamento. Ne è venuta fuori una risposta farfugliante: "Tenevo il posto per una mia amica... poi non è arrivata... allora quando me ne sono resa conto ho detto a quella donna che il posto era libero... non è stato un atto di razzismo". Ma come? Tutto questo in meno di un minuto, e subito dopo che un ragazzo nero le aveva detto che intendeva sedersi accanto a lei? "Pensavo ad altro", è stata la risposta. "Dice Mc: "Si vergognava moltissimo. La polizia mi ha detto che se volevo potevo denunciarla. Ho deciso di non farlo, è sempre una cosa brutta. Preferisco far sapere a tutti questa storia, spero che serva a qualcosa".

Ci sarà qualche diffidente che si domanderà come mai a Mc Talibe capitino tante disavventure di questo genere. Forse va a cercarsele? E' un modo per farsi pubblicità? Improbabile. Sia la prima, sia la seconda storia sono capitate. Decine di persone lo possono testimoniare. Mc Talibe non se le è cercate. Noi abbiamo un'altra ipotesi. Il problema non è che capitano tutte a Mc. Il problema è che lui ha gli strumenti culturali, le relazioni sociali, diciamo pure lo status, è un artista, che gli permettono di reagire. Al contrario della maggior parte dei ragazzi come lui. E' un po' come certe malattie che sembrano in aumento solo perché più di prima vengono diagnosticate. Dovremmo distribuire un po' di Mc Talibe in tutt'Italia per realizzare uno screening di massa sull'intolleranza e la stupidità.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

FÚTBOL. En todos los partidos de la Liga y la Copa de Italia
Cinco minutos contra el racismo en el fútbol italiano
su La Vanguardia del 29/11/2005

In biblioteca

di Marco Rovelli
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2006
di Karl-Markus Gauss
Ancora del Mediterraneo Edizioni, 2008
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0