Da Corriere della Sera del 15/11/2005

La proposta di Barroso: «Cittadinanza agli immigrati se sono studenti brillanti»

di Giuseppe Sarcina

BRUXELLES - Un passaporto europeo per gli studenti extracomunitari più brillanti. L’idea viene dall’ufficio di José Manuel Durao Barroso, presidente della Commissione europea e, scrive il Financial Times nell’edizione di ieri, piace al premier inglese Tony Blair. Bruxelles, è bene precisarlo subito, non ha alcun potere sull’attribuzione della cittadinanza, una delle prerogative custodite nel modo più arcigno possibile dai singoli Stati. Tuttavia Barroso ha intenzione di lanciare una proposta-raccomandazione ai governi nelle prossime settimane, confidando nell’appoggio del leader britannico. La formula è semplice: offrire la cittadinanza piena (e non un provvisorio permesso di soggiorno) agli stranieri laureati che hanno intenzione di completare il dottorato di ricerca in uno dei 25 Paesi Ue. In altri termini: attirare in Europa gli studenti più brillanti, i talenti della ricerca in arrivo dall’India, dall’Africa, dalla Cina, pescando tra i 420 mila iscritti alle Università dell’Ue, provenienti da altre parti del mondo.

L’iniziativa, fanno notare negli ambienti diplomatici, è attribuibile direttamente a Barroso e quindi deve ancora superare il vaglio dei 24 commissari, nonché delle capitali più importanti (Parigi, Berlino, Roma, Madrid). Ma il problema, oggettivamente, c’è. Già da qualche anno, per altro, la Ue si interroga su come tenere il passo degli Stati Uniti, destinazione numero uno dei «baby-scienziati», specie nei settori d’avanguardia. Il vice presidente della Commissione, Franco Frattini (titolare del portafoglio Giustizia, libertà e sicurezza) ha posto il problema nel «Libro Verde» (rapporto per lanciare la discussione) sull’«immigrazione economica». Il dibattito, in questa fase, ruota su una domanda: è giusto considerare tutte le richieste di accesso nello stesso modo? Nel 2001 l’allora commissario Antonio Vitorino aveva proposto una direttiva che prevedeva procedure di ingresso uguali per tutti i migranti, sia per chi volesse andare a raccogliere i pomodori, sia per chi chiedesse di frequentare un master alla Sorbona di Parigi, piuttosto che alla Bocconi di Milano. La proposta «orizzontale», però, fu bocciata dal Consiglio dei ministri Ue e il Commissario portoghese modificò l’approccio. Oggi la legislazione comunitaria prevede due normative, entrambe promosse dallo stesso Vitorino, che in qualche modo preparano il terreno allo scatto suggerito da Barroso. La prima riguarda gli studenti: consolati e ambasciate europee concedono le vie brevi alle «matricole» ammesse a seguire i corsi negli atenei Ue, a condizione che gli immigrati-universitari siano in grado di mantenersi agli studi. L’altro provvedimento, pubblicato proprio nei giorni scorsi, accorda visti facilitati ai ricercatori extracomunitari, ma solo se già in possesso di un’offerta di impiego o addirittura di un contratto. Naturalmente, come ha dimostrato l’esperienza, proprio questo può essere l’ostacolo più difficile. Come si fa a trovare opportunità di lavoro, rimanendo al di fuori dei cancelli europei? La Gran Bretagna sta sperimentando una formula per gli immigrati che hanno conseguito un master o un dottorato di ricerca: si va al consolato, si esibisce il titolo di studio e si ottiene un «bonus» di un mese senza ulteriori formalità. Trenta giorni per girare in piena libertà Londra, Manchester o Liverpool. Se si trova un impiego si resta, altrimenti si torna a casa.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

El fenómeno de la inmigración
Canarias registra la llegada de 1.433 inmigrantes durante el fin de semana
Tenerife recibe 15 de los 29 cayucos que arribaron al archipiélago desde el jueves con 2.436 'sin papeles'
di José Naranjo su El Pais del 04/09/2006
Immigrazione i tragici racconti dei clandestini approdati a Lampedusa, mentre esplode la polemica tra maggioranza e opposizione sul futuro della «Bossi-Fini»
«La mia piccola morta di freddo sul barcone»
Mary aveva un anno, il cadavere gettato in mare
di Francesca Paci su La Stampa del 26/08/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0