Da La Repubblica del 01/05/2004

Scelto il giorno della presunta data del suicidio del dittatore nel bunker di Berlino

Francia, nel nome di Hitler devastano un cimitero ebraico

In Alsazia distrutte 130 tombe. Chirac: "È intollerabile"

di Andrea Tarquini

BERLINO - Hanno colpito di notte, hanno violato e devastato un cimitero ebraico per onorare Adolf Hitler e ricordare il suo suicidio. È accaduto in Alsazia tra giovedì e ieri nel villaggio di Herrlisheim-Hattstadt, un tranquillo borgo nella regione bilingue francese al confine con la Germania. Ignoti estremisti di destra hanno danneggiato 130 tombe ebraiche e imbrattato steli e monumenti del cimitero scrivendovi con lo spray nero slogan inneggianti al Terzo Reich e parole d´ordine antisemite. Ancora una volta è la Francia l´epicentro della violenza antiebraica in Europa, e l´attentato ha scosso il paese. Immediata, e dura, la reazione del presidente Jacques Chirac: «È un atto ripugnante e intollerabile», ha detto il capo dello Stato, esortando cittadini e polizia alla vigilanza. Ma sull´identità dei profanatori delle tombe manca ogni indizio certo: hanno fatto perdere le loro tracce nel nulla.

«Ein Reich, Elsass, Sieg fuer den Fuehrer», cioè «un solo Reich, Alsazia, vittoria per il Fuehrer», hanno scritto i neonazisti in tedesco sulla stele del cimitero che ricorda le vittime locali dell´Olocausto. E ancora: «Juden raus», fuori gli ebrei. In ogni angolo poi, tra le lapidi imbrattate e divelte e i muri di cinta, slogan inneggianti a Hitler. E la data del 30 aprile, il giorno presunto del suicidio di Hitler. Si ritiene infatti che proprio il 30 aprile del 1945, con l´Armata rossa che casa per casa stava conquistando Berlino, il tiranno nascosto nel Bunker della cancelleria con gli altri gerarchi si tolse la vita insieme alla sua compagna Eva Braun.

Scritte in tedesco, come spesso prediligono i neonazisti di tutta Europa. Non è chiaro se i profanatori del cimitero siano ultrà tedeschi passati dalle frontiere aperte, oppure alsaziani bilingui, o invece estremisti francesi con un´infarinatura di tedesco per infatuazione verso i discorsi di Hitler e di Goebbels. La polizia francese indaga in ogni direzione, anche con l´aiuto del Verfassungsschutz tedesco (l´intelligence interno di Berlino). Ma i sospetti più pesanti gravano su «Jeune nation», un gruppo estremista fuorilegge francese, e sulla galassia del razzismo diffuso che orbita attorno all´ultradestra di Jean-Marie Le Pen.

«È particolarmente grave che siano riusciti a profanare un numero così alto di tombe», ha commentato il premier Jean-Pierre Raffarin. E ha inviato a Herrlisheim-Hattstadt il ministro dell´Interno, Dominique de Villepin, per contatti urgenti con la comunità ebraica locale e con i leader delle altre minoranze. Nella regione gruppi di ultrà razzisti giovanili sono molto attivi. Scritte antisemite o slogan anti-immigrati del tipo «morte agli arabi» sono spesso comparse in molte città. Proprio l´altro ieri, si era conclusa a Berlino la conferenza internazionale sull´antisemitismo. Nella sua dichiarazione finale aveva lanciato un appello a una decisa lotta contro l´odio antiebraico e ogni forma di razzismo. Ma come aveva ammonito il ministro degli Esteri tedesco Joschka Fischer chiudendo i lavori, «non ci si può illudere: non bastano le parole, l´antisemitismo è tornato a essere una minaccia mortale per le nostre democrazie».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Parigi: inventata la violenza antisemita nel treno da parte di sei nordafricani
L’aggredita del metrò: ho mentito
di Massimo Nava su Corriere della Sera del 14/07/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0