Da La Repubblica del 07/04/2004

Gli allarmi

La Bbc: intercettati i piani per colpire Londra con un gas letale "Sventato un attacco chimico"

I terroristi apparterrebbero a un gruppo vicino ad Al Qaeda

di Paolo Filo della Torre

LONDRA - Preparavano attentati chimici a Londra ma sono stati fermati dai servizi segreti inglesi e statunitensi. La notizia è stata anticipata dall´emittente americana Abc che nel suo sito la collega con le retate compiute la scorsa settimana in diverse località vicino a Londra e nel corso delle quali sono state fermate nove persone sospettate di essere integralisti islamici ultra-radicali, presumibilmente legati ad Al Qaeda. Una di queste, un giovane arrestato la settimana scorsa durante un maxi-blitz della polizia nell´Inghilterra sud-orientale, è stato incriminato per terrorismo. È quanto ha annunciato nella serata di ieri un portavoce di Scotland Yard.

L´operazione di ieri è la conferma dei timori del capo di Scotland Yard, sir John Stevens, che aveva sostenuto, contro l´opinione del ministro degli interni David Blunkett, che un attentato nella capitale era «inevitabile». La sostanza chimica scelta per l´attacco terroristico sarebbe l´osmio tetrossido che, sostengono gli esperti, può essere letale sotto la forma di gas. La materia ha un suo uso legale per la ricerca scientifica e la sperimentazione, ma se usata in specifiche condizioni diventa letale e distruttiva per gli occhi, i polmoni e la pelle delle persone che ne vengono a contatto. Di un colore giallino, acquistabile anche via internet, con un odore molto forte e sgradevole, produce un fumo simile a quello che si sprigionò dopo l´esplosione che danneggiò nel ´93 il World trade center di New York.

I luoghi del possibile attentato non sono stati precisati, ma sembra che tra gli obiettivi vi fosse la metropolitana londinese, l´aeroporto di Gatwick e un centro commerciale. I contorni dell´intera vicenda, emersa il 30 marzo con una massiccia operazione alla quale avevano preso parte oltre 700 agenti di diverse polizie e dei servizi segreti, non sono ancora chiari. Secondo alcune ricostruzioni il tutto sarebbe cominciato quando su un terminale di Fort Meade nel Maryland, il quartier generale della National security agency, sono arrivate notizie su un possibile attentato in Gran Bretagna captate dal più grande "orecchio elettronico" del mondo. Poi alcune settimane fa, il gigantesco computer che analizza milioni di telefonate ed e-mail stampa la traduzione automatica di una conversazione tra la Gran Bretagna e il Pakistan. L´allarme parte immediatamente e dopo alcune ore a Londra i vertici dell´intelligence avviano l´operazione Crevice. Oltre un migliaio di uomini impegnati in pedinamenti e controlli solo nel Regno Unito portano alla fine alle retate della scorsa settimana con il fermo di otto britannici musulmani di origine pachistana, uno di origine algerina, mentre un decimo arresto avviene a Ottawa in Canada. La comunicazione intercettata sarebbe stata l´ordine impartito dal Pakistan da parte del coordinatore regionale di Al Qaeda a una cellula britannica di passare all´azione.

I nove presunti terroristi bloccati sono ancora sotto torchio da parte della polizia e dei servizi segreti che hanno 14 giorni di tempo prima di dover decidere il rilascio o l´incriminazione. Nel corso delle perquisizioni compiute il 30 marzo scorso era stata sequestrata anche mezza tonnellata di fertilizzante al nitrato di ammonio, una sostanza ampiamente utilizzata in passato da gruppi estremisti per la fabbricazione di esplosivi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le immagini dell´ingegnere in catene trasmesse da Al Jazeera. Nel messaggio accuse al premier, che replica dopo poche ore
Una gabbia per l´ostaggio inglese
L´appello di Bigley. Blair: «Se i rapitori ci contattano, rispondiamo»
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 30/09/2004
Tony Blair: "Continueremo a fare tutto il possibile". Due alti esponenti della comunità musulmana britannica sono arrivati ieri a Bagdad
"Abbiamo ucciso l´ostaggio inglese"
Due siti islamici rivendicano la morte di Kenneth Bigley
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 26/09/2004
Una telefonata alla famiglia Bigley, ma nessuna dichiarazione pubblica
Blair, silenzio e imbarazzo il premier sempre più solo
Consensi in calo, avversari pronti ad attaccarlo
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 24/09/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0