Da La Repubblica del 06/11/2003
Originale su http://www.repubblica.it/2003/j/sezioni/politica/maggioranza/spettro/s...

Lo spettro del '94 per il Cavaliere

di Curzio Maltese

L'ULTIMA tempesta sul governo ha il merito di rendere ormai evidente, quasi plastica, la schizofrenia in cui vive l'Italia di Berlusconi. Sulla superficie dello schermo scorre una specie di telenovela di sorrisi, con protagonista il premier che ha trasformato Palazzo Chigi in un set pubblicitario, ogni incontro internazionale in spot personale, la politica in un Mulino Bianco. Nella realtà dei palazzi romani avanza la replica del '94, la progressiva frana di una maggioranza che non riesce a tenere insieme la Lega e gli altri alleati, in preda ormai a un furioso regolamento di conti. Il pendolo fra l'una e l'altra immagine oscilla sempre più rapidamente e ieri ha rischiato di esplodere.

Silvio Berlusconi ieri pomeriggio non ha fatto in tempo ad annunciare, con la nota lungimiranza: "La maggioranza è compatta". Un minuto dopo la Camera ha bocciato la riforma della giustizia minorile proposta dal ministro Castelli, con ben trentasei franchi tiratori della maggioranza che hanno votato con l'opposizione. In un paese normale equivale alla sfiducia votata al ministro. Perfino Castelli per un istante è parso capirlo e infatti ha minacciato le dimissioni. Poi è tornato Castelli e ha rinviato la responsabilità all'assemblea leghista di domenica, dove probabilmente si deciderà di fare la faccia feroce e basta. Ma la fiera resistenza sulla poltrona rischia di precipitare in un calvario politico.

La riforma del tribunale dei minori era la prima e unica proposta autonoma avanzata dalla Lega e dal suo ministro della Giustizia, quasi un premio dopo due anni di lavoro sporco per salvare il premier dai processi, con le varie leggi ad personam sul falso in bilancio, la Cirami, il Lodo e le ispezioni a orologeria.

Non potendo ribellarsi alla voce del padrone, i franchi tiratori di Alleanza nazionale e Ucd hanno aspettato che Castelli si presentasse da solo. È evidente che la strategia di Gianfranco Fini e Marco Follini è di sbattere la Lega fuori dalla maggioranza. Fuori dagli interessi sacri del premier, sui quali vige una specie di vincolo contrattuale alla difesa d'ufficio, ogni tema è buono per dare un'altra spallata: la riforma della giustizia come quella delle pensioni, il servizio militare o il mandato di cattura europeo o il voto per gli immigrati.

Qui si è inserito il secondo spot di giornata. Nelle pause dell'incontro con l'amico Putin, il profeta di Arcore è uscito per annunciare: "Non vi sarà alcun rimpasto, Fini non è interessato agli Esteri". Pronta la risposta del suo vice che gli parla sempre più spesso attraverso le agenzie di stampa, forse per avere testimoni: "È vero, non sono interessato agli Esteri ma a ridefinire il programma e la squadra di governo per la seconda parte della legislatura". Tradotto dal nuovo politichese, significa che Fini vuole scaricare la Lega e porre fine alla politica economica di Tremonti. Per Berlusconi sarebbe stato assai meglio se avesse chiesto soltanto il ministero degli Esteri.

Gli illusionismi del premier durano ormai lo spazio di un minuto, un flash d'agenzia. Non riescono neppure a reggere fino all'ora dei telegiornali serali. Sarà per questo che le berlusconate si moltiplicano ogni giorno, arrivano a raffica, tre o quattro alla volta. Vere "armi di distrazione di massa", come dice George Bush quando confonde le formule scritte sul "gobbo".

Nel tentativo di offrire titoloni cubitali per coprire qua un dato economico e là una crisi politica, Berlusconi soltanto ieri ha regalato un repertorio multi mediale completo di gag, slogan, barzellette, finte notizie e bizzarrie. A partire dal solito trucco di presentare come un successo "storico" l'inutile incontro con Putin, dove il presidente russo ha risposto niet all'invio di truppe in Iraq ma in compenso ha incassato la solidarietà del governo italiano sullo scandalo del colosso petrolifero Yukos. Berlusconi si è addirittura spinto a citare una misteriosa fonte secondo la quale i russi sarebbero d'accordo con i magistrati inquirenti "quasi al cento per cento", percentuale record anche rispetto all'epoca di Stalin.

È del resto comprensibile che il governo italiano si concentri sugli affari, i sondaggi e i magistrati russi, considerata la situazione in patria. L'unica speranza di invertire la rotta di collisione dentro la maggioranza e con l'elettorato risiede in una ripresa economica che non si vede all'orizzonte. I segnali vanno anzi nella direzione opposta. Tanto che i telegiornali Rai e Mediaset da settimane hanno di fatto abolito il notiziario economico. Negli intervalli fra una polemica su Andreotti e una sull'Eurobarometro, non s'è trovato il modo di citare anche di sfuggita la retrocessione dell'Italia dal 33° al 41° posto nelle classifiche internazionali di competitività, il tracollo del made in Italy, i dubbi sui conti della Finanziaria avanzati in Italia e all'estero. Senza nominare l'esclusione dell'alta velocità Lione-Torino dai progetti europei che significa perdere l'ultimo treno della modernizzazione, altro che ponte sullo Stretto.

Sono le cifre di un fallimento. Si possono nascondere al pubblico con telegiornali fatti di cartapesta come gli sfondi allestiti per le fiction diplomatiche del premier. Ma non si possono nascondere a chi condivide le stanza dei bottoni. Fini e Follini chiedono da mesi di prendere atto del fallimento, sostituire il timone dell'economia e invertire la rotta prima dell'inevitabile urto. Da mesi Berlusconi, come risposta, impugna il microfono e lancia un altro spettacolino, in una versione casereccia del Titanic.

In questo modo si rende ogni giorno più vicina l'ipotesi che sembrava più impensabile all'inizio dell'avventura: la replica del '94. Senza uno Scalfaro al Quirinale, senza ribaltoni, avvisi di garanzia, fronti sindacali compatti, piazze oceaniche. Per le ragioni profonde che portarono nel '94 a un collasso tutto interno alla maggioranza, a una destra che non è una destra ma tanti pezzi di culture e politiche tenute insieme da un impresario per il tempo dello show elettorale. Si era già visto allora che con le televisioni, con l'immagine, si potevano vincere le elezioni ma non governare il Paese. Chissà se basteranno dieci anni, fra poco, per capire la lezione.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

A comic opera
The ins and outs of politics in Italy
su The Economist del 21/04/2005
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0