Da La Stampa del 03/10/2003

Cernobil, non un errore

di Giulietto Chiesa

Sè detto e scritto di tutto su questo nostro primo, vero black-out. A me è venuto in mente, subito, per la seconda volta (la prima era stata dopo il grande black-out americano) , un evento lontano 17 anni: Cernobil.

Se n'è parlato, in questi giorni, ricordando che fu decisivo, la classica goccia che fa traboccare il vaso, per eliminare dai nostri progetti futuri il nucleare civile. Ma in me ha fatto scattare una diversa successione di pensieri.

Fummo alcuni, allora - io vissi Cernobil da vicino, in tutti i sensi - a cogliere in quella catastrofe un segnale più profondo. Sembrava essere un avvertimento delle cose, un preannuncio di una crisi ben più profonda di quella nucleare. Era il segnale - lo vedemmo pochi anni dopo - di un collasso sociale, politico, morale, organizzativo. Era il 1986, Gorbaciov era appena arrivato, la sua perestrojka era cominciata, ma tardi. I buoi erano già usciti dalla stalla. Cernobil era il sintomo di una malattia vasta. Il sistema sovietico era in crisi.

Adesso noi cerchiamo le cause del nostro black-out. Sicuramente ve ne sono molte, contingenti, politiche. Ci sono, certo, responsabilità individuali, e anche collettive. Potremo cercare di porvi rimedio, forse sì, forse no. Eccetera.

Ma a me pare che questo (questi) non siano (solo) incidenti. Colpiscono nei punti «alti» dello sviluppo, «illuminano» (che ironia nei nomi!) all'improvviso debolezze impressionanti, ci mostrano interconnessioni così intricate da non essere ormai più controllabili.

Abbiamo costruito una «complessità» della quale scopriamo di non essere padroni. Ci siamo avvolti in bisogni che sono divenuti più forti di noi.

E' in causa tutta la nostra organizzazione sociale, produttiva. Il nostro modo di vita è in crisi. Il segnale è chiaro: attenzione, umani, avete imboccato una china dalla quale non si uscirà, a meno che non si cambino i criteri di consumo, le idee che continuano a guidarci anche quando sono palesemente morte.

Cernobil non fu l'errore di un oscuro tecnico di una sconosciuta centrale atomica ucraina, fu la fine di un sistema politico e sociale. Questi black-out annunciano sconvolgimenti ben più vasti che il venir meno della corrente elettrica per una notte.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Pomodori veloci
Bisogna ricominciare a produrre e consumare localmente tutto quel che possibile
di Beppe Grillo su Internazionale del 02/01/2006
su Villaggio Globale del 16/12/2005

News in archivio

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono gi registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0