Da Corriere della Sera del 03/07/2003

Un pessimo inizio

di Ernesto Galli della Loggia

Ciò che si temeva è puntualmente avvenuto. Al suo esordio alla presidenza dell’Unione Europea, Silvio Berlusconi, incalzato dai più che prevedibili attacchi, talvolta magari anche oltre il segno, di alcuni membri del Parlamento di Strasburgo, non è riuscito a mantenere i nervi saldi e la lingua a posto. Per l’Italia e per il suo presidente del Consiglio, che pure fino a quel momento aveva svolto un intervento abbastanza equilibrato, il semestre europeo non poteva cominciare peggio (così come, bisogna aggiungere, per l’informazione radio-televisiva pubblica, resasi responsabile di un’edizione del Tg1 delle 13.30 omissiva e manipolatoria fino al grottesco). Quanto è accaduto a Strasburgo sottolinea per l’ennesima volta due questioni che affliggono fin dall’inizio il governo di centrodestra.

La prima questione è rappresentata dal carattere dilettantesco di Berlusconi in quanto uomo politico. Intendiamoci, può essere benissimo che il dilettantismo, apparendo indice di genuinità, sia uno dei segreti del successo elettorale del capo di Forza Italia. Ma è certo che è una delle cause delle sue figuracce come uomo di governo nonché un fattore destinato ad aggravare permanentemente tutti i problemi della sua immagine. Dilettantismo per esempio è non aver capito, nel caso specifico, che in previsione di critiche e attacchi sicuri al suo esordio sulla scena europea, sarebbe stato conveniente cercare di smussare le une e gli altri accennando con franchezza a certi aspetti anomali della propria figura, inquadrando però i medesimi nella più lunga serie di anomalie che ha caratterizzato la storia italiana dell’ultimo decennio. Dilettantismo, poi, è non capire che fare le corna o dare del nazista a un oppositore sono tutte cose che possono forse procurare consenso sul teatrino politico di casa ma sulla scena internazionale sono semplicemente rovinose. Già è politicamente gravissimo non aver ancora mosso un dito per risolvere il conflitto d’interessi: farci sopra lo spiritoso e l’insolente è un puro e semplice suicidio.

La seconda piaga aperta nel governo, e che il socialdemocratico signor Schulz non ha mancato di evocare, è costituita dalla Lega: dall’inarrestabile profluvio di dichiarazioni del suo capo, regolarmente improntate alla violenza, alla xenofobia, al più totale disprezzo verso ogni cosa, idea o persona che non gli vadano a genio. Berlusconi non si accorge che in questo modo la Lega, non da oggi, sta facendo letteralmente a pezzi la credibilità del governo presso una parte decisiva del suo elettorato oltre che fuori dai confini del Paese, come si è visto. Non si accorge che con le sue continue sparate a metà tra capitan Fracassa e Goebbels, Bossi appare alla fine il vero padrone del governo. Ma quanto può durare ancora tutto ciò? Sta al presidente del Consiglio dimostrare che è ancora possibile cambiare strada, che egli ha la volontà e la capacità di salvare, insieme al significato politico della maggioranza e del suo governo, anche il ruolo del Paese sulla scena internazionale.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dall’ira alle scuse, il tormento del Cavaliere
Il «gelido» pranzo con Prodi, poi il discorso al Ppe: volevo rispondere a un insulto e invece è venuto fuori questo disastro
di Maria Latella su Corriere della Sera del 03/07/2003
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0