Da La Repubblica del 05/06/2003

"E' stata colpita al viso e alle spalle": fonti diplomatiche riferiscono i dettagli dell'aggressione

"Aung ferita, è in ospedale"

Birmania, il regime tace sulla leader dell’opposizione

di Raimondo Bultrini

BANGKOK - Da Yangoon giungono le prime conferme del ferimento di Aung San Suu Kyi. Diverse fonti diplomatiche hanno riferito che la leader dell'opposizione birmana è stata colpita al viso e a una spalla dai vetri della sua vettura presa d'assalto da gruppi di provocatori filogovernativi la sera di venerdì 30 maggio, mentre cercava di raggiungere la città settentrionale di Ye U durante il suo primo lungo viaggio politico dalla liberazione avvenuta un anno fa.
A dispetto delle smentite dei portavoce della giunta militare, viene anche indicato un ospedale militare dove la dirigente della Lega Nazionale per la Democrazia si troverebbe ricoverata, il Mingaladon Military Hospital alle porte di Yangoon. Le fonti che per prime avevano diffuso la notizia del suo ferimento riferiscono che Aung San Suu Kyi avrebbe rifiutato ogni cura finché non fosse stata messa al corrente della sorte dei compagni di partito aggrediti con lei la settimana scorsa. In particolare si temeva per la vita di Tin Oo, anziano e malato vicesegretario dell'Nld scomparso dalla sera degli incidenti, ma ieri la sua famiglia ha ricevuto una sua lettera autografa da un luogo di detenzione imprecisato, dove il dirigente 76enne spiega di essere stato autorizzato a riprendere le sue abituali terapie.
La Croce rossa internazionale, il segretario Onu Kofi Annan, George Bush, il rappresentante Ue Javier Solana e decine di altri leader internazionali avevano rivolto appelli alla giunta militare di Yangoon per conoscere le sorti di Aung San Suu Kyi e chiedere la sua immediata liberazione. Ma il ministro degli Esteri Kinh Maung Win aveva assicurato che tutte le voci sul suo ferimento erano false. Molto più credito è stato dato alla versione anticipata dall'Nld sul ferimento e sugli incidenti avvenuti alle porte della città di Ye U, dove le vittime sarebbero ben superiori ai 4 studenti morti e ai 50 feriti ammessi dalle fonti governative. Si parla di almeno 80 morti, anche se le circostanze sono ancora confuse e contraddittorie. L'opposizione aveva sostenuto che gruppi di finti monaci, assieme ad ex detenuti scatenati con bastoni e sassi contro il corteo di Aung San Suu Kyi in cambio della libertà, erano i maggiori responsabili delle violenze evidentemente permesse dal governo.
Le autorità militari hanno imposto la chiusura delle università e delle scuole secondarie più facinorose, per timore che possa ripetersi il bis del 1988, quando gli studenti guidarono la rivolta contro il regime che portò alla vittoria elettorale dell'Nld nel '90 e alla successiva messa fuori legge del partito, "riabilitato" lo scorso anno con la liberazione di Aung San Suu Kyi e ora nuovamente messo al bando.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

LA CRISI UMANITARIA
Birmania, tragedia alluvione da mangiare restano solo i topi
Viaggio lungo il fiume che ha travolto villaggi e contadini
di Federico Rampini su La Repubblica del 07/08/2007
Il boom delle mine
Nel 2005, 7.328 persone sono state mutilate e uccise dalle mine: l'11% in più dell'anno prima
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 02/10/2006
‘Suu Kyi meeting aimed at blocking UN action'
Analysts say meeting was a ‘pre-emptive strike by the regime' to avert embarrassment at the UNSC
su The Daily Times del 22/05/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0