Da Agenzia Fides del 15/03/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=8928&lan=ita

India: incontro interreligioso e marcia per la pace a Benares

Le diverse comunità di fede impegnate per evitare la polarizzazione del conflitto

Benares - Si sono incontrati, si sono stretti la mano e scambiati un abbraccio, hanno fatto silenzio, hanno marciato fianco a fianco e intonato inni per la pace e per l’armonia religiosa: ieri, 14 marzo, a Benares, teatro dei recenti attacchi contro luoghi di culto sacri all’induismo, i leader di diverse comunità religiose in India hanno manifestato insieme contro ogni forma di violenza sociale e interreligiosa.

Erano presenti leader indù, musulmani, buddisti, sikh, cristiani, animisti. Tutti hanno invocato il dialogo, hanno condannato il terrorismo in nome della religione, hanno invocato il senso di responsabilità verso tutti i fedeli delle rispettive comunità. Alla manifestazione hanno partecipato uomini e donne di buona volontà di tutte le religioni, che hanno offerto un esempio di “unità nella diversità”: nel corteo multireligioso e multicolore, raccontano fonti locali, vi erano anche le Missionarie della Carità di Madre Teresa, sacerdoti e laici cattolici, accanto a uomini sikh con il turbante, monaci arancioni, musulmani nell’abito tradizionale.

Il corteo si è fermato davanti al monumento al Mahatma Gandhi, nel centro della città, dove i diversi leader hanno parlato all’assemblea. Tenzing Rigzin, professore all’Istituto Tibetano di studi buddisti, ha elogiato gli abitanti della città di Benares che non hanno reagito alla violenza subita, evitando di innescare un’escalation. Il cattolico P. Anand, della Società per le Missioni Indiane, ha ricordato che l’intenzione degli atti terroristici era proprio quella di creare disarmonia e conflitto e che “non c’è principio religioso più grande del volere e fare il bene del prossimo”. Il leader gandhiano Amarnath Bahi ha concluso affermando che “gli atti di terrorismo vogliono porsi al di sopra della legge, cancellare la Costituzione indiana, provocare i credenti alla violenza”.

Il corteo si è concluso con alcuni inni all’unità, intonati dall’intera assemblea.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Un appello per salvare zio Tibo
E' stato scritto ad Assisi per salvare i tre cristiani indonesiani condannati a morte da da diversi leader religiosi musulmani
di Emanuele Giordana su Lettera 22 del 16/09/2006

News in archivio

India: non entra in vigore in Rajasthan la legge anti-conversioni
Il Governatore la rinvia all'assemblea legislativa
su Agenzia Fides del 22/05/2006
Una delegazione di leader religiosi al governo dell’Unione Indiana
India: bloccare la legge anti-conversioni approvata in Rajasthan
su Agenzia Fides del 09/05/2006

In biblioteca

di Luca Mozzati
Mondadori, 2009
di Amos Oz
Feltrinelli Editore, 2009
di Yahyâ S. Y. Pallavicini
BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2007
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0