Da Adnkronos del 28/02/2006
Originale su http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Cronaca&loid=1.0.327610736

Teneva stretta nella morsa del racket l'imprenditoria locale

'Ndrangheta, blitz polizia contro 'Gaglianesi': 44 arresti

Tra i reati contestati, associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, usura, traffico di armi e stupefacenti

Catanzaro - Maxiblitz delle Squadre Mobili di Catanzaro e Crotone questa notte contro esponenti della cosca calabrese dei Gaglianesi. A finire in manette 44 persone accusate di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, usura, traffico di armi e stupefacenti.

L'inchiesta, condotta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, ha ricostruito le fasi della riorganizzazione della Cosca dei Gaglianesi, pericolosissimo gruppo criminale radicato nel centro di Catanzaro. Le indagini, in particolare, hanno portato alla luce le diversificate attività illegali della cosca, responsabile, secondo gli inquirenti, di un'aggressiva pressione estorsiva sulle attività imprenditoriali del territorio catanzarese. Sono stati così individuati mandanti ed autori di numerosissime azioni intimidatorie, portate a compimento con ordigni esplosivi e armi da fuoco, ma anche attraverso furti e danneggiamenti.

Una parte importante dell'inchiesta ha inoltre individuato le strettissime relazioni tra la Cosca dei Gaglianesi e i potenti clan di Isola Capo Rizzuto, in particolare con la cosca Arena, contrapposta in una sanguinosa faida al cartello rivale facente capo ai Nicoscia, sempre di Isola Capo Rizzuto. In particolare, dalle indagini è emerso che i vertici della cosca dei Gaglianesi erano nominati direttamente dai boss di Isola Capo Rizzuto, anche in ragione di un rapporto di gerarchia tra il superiore locale isolitano con la 'ndrina del capoluogo di regione.

Ma i 'Gaglianesi' avevano affiliazioni anche con il gruppo degli 'Zingari', una banda estremamente pericolosa di nomadi di origine italiana. Ai nomadi, capeggiati dal pluripregiudicato, detenuto, Cosimino Abbruzzese, secondo gli investigatori, la cosca calabrese, aveva affidato la gestione delle attività criminali nelle zone di Corvo, Germaneto e Catanzaro Lido. Ad Abbruzzese inoltre, a detta degli inquirenti, era assegnato il compito di coordinare le attività criminali dei gruppi di Rom della provincia di Catanzaro. Tra le attività che portavano maggiori profitti, i ''cavalli di ritorno'', ossia il furto di autovetture e veicoli commerciali, restituiti ai proprietari dietro pagamento di ingenti somme di denaro.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I tentacoli della ’ndrangheta sulla Capitale
Invisibile e abile a mimetizzarsi, l’«onorata società» di Reggio e dintorni preparerebbe la «scalata» ai business più lucrosi
di Alessia Marani su Il Giornale del 19/11/2005
Oggi a Reggio l'inviato di Pisanu. Si intensificano le voci su centinaia di arresti
Calabria, arriva il superprefetto "La legge sul Ponte favorisce i boss"
De Sena: subito allo Stato i beni delle cosche

News in archivio

L'operazione, denominata 'Luna Blu', della squadra mobile di Milano
'Ndrangheta, blitz contro la cosca Pesce-Bellocco: 54 arresti
Stroncato un traffico internazionale di droga gestito in tutta Italia da una delle più pericolose organizzazioni criminali calabresi
su Adnkronos del 19/01/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0