Da RaiNews24 del 02/03/2006
Originale su http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=60208

Uranio impoverito: Bruno Chareyron, direttore della Criirad: la radioattività può generare patologie

Roma - Non sono emersi elementi per affermare una responsabilita' diretta dell'uranio impoverito nelle patologie che hanno colpito i militari italiani nei Balcani, ma sono state trovate 'nanoparticelle' che potrebbero essere state prodotte proprio dall'esplosione di questi proiettili. Questa la conclusione dei lavori della Commissione di inchiesta parlamentare, che ha ammesso difficolta' nell' inchiesta. Tra i limiti denunciati vi e' quello di non sapere quanti siano effettivamente i militari morti e malati.

"I militari e le istituzioni hanno mentito sui proiettili all'uranio impoverito: la radioattività è molto importante e in grado di generare patologie!". È quanto ha dichiarato a Rai News 24 Bruno Chareyron , il direttore del laboratorio della Criirad (Commission de Recherche et d'Information Indépendantes sur la Radioactivité), istituto indipendente francese per il monitoraggio della radioattività ambientale che è stata fondata nel 1986, quando, dopo l'incidente di Chernobyl, tra il silenzio delle istituzioni, denunciò per prima la presenza di materiale radioattivo negli alimenti.

In un'intervista rilasciata all'inviato del canale all news della Rai, Sigfrido Ranucci, il Prof. Chareyron ha mostrato un proiettile che conteneva un penetratrore di pochi centimetri di uranio impoverito proveniente dal Kossovo e ne ha misurato la radiottività.

I raggi gamma, ha mostrato il direttore del laboratorio francese, hanno passato le tre lastre di piombo e la scatola schermata in cui il proiettile era contenuto, "con una energia pari a 6 mila volte quella irradiata dal sole" - ha detto Chareyron - "gli elementi che compongono l'uranio impoverito hanno nella terra un'attività pari a circa 2000 becquerel per chilogrammo, ma nel proiettile noi abbiamo un concentrato di uranio impoverito e l'attivita è pari a 40 milioni di bequerel per chilogrammo".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Uranio impoverito, 28 soldati italiani morti
La relazione del ministero della Difesa: 158 casi di tumori tra i militari nei Balcani
di Marco Nese su Corriere della Sera del 05/04/2006

News in archivio

Uranio depleto, 44 militari morti
Sono 44 i decessi e oltre 300 i militari malati al rientro da missioni internazionali
su La Nuova Ecologia del 20/02/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0