Da La Nuova Ecologia del 15/09/2004
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/speciale/no_war/3493.php

I familiari vogliono essere coinvolti

Istituita una commissione d'inchiesta

Al Senato un organismo per far luce sulle morti e sulle patologie di soldati. Per il presidente dell'Anavafaf, Falco Accame, il nodo da sciogliere non è medico, ma politico

Una delegazione di militari malati per presunta contaminazione da uranio impoverito, i loro parenti e i rappresentanti di associazioni che li tutelano hanno incontrato il senatore Contestabile, presidente della commissione Difesa del Senato, dove oggi è previsto il voto per istituire una commissione d'inchiesta sulle morti e sulle patologie di soldati che potrebbero essere legate all'uranio impoverito. Secondo Falco Accame, presidente dell'Anavafaf, una delle associazioni presenti all'incontro, il nodo da sciogliere «non è tanto una questione medica, quanto politico-militare».

Per Accame in questa situazione di incertezza si deve applicare il “principio di precauzione”: «Gli Stati Uniti, dopo l'esperienza della guerra del Golfo, hanno adottato norme di protezione già in Somalia, mentre per gli italiani le norme sono comparse solo il 22 novembre 1999». Anche in Iraq e in Afghanistan, aggiunge, «sembra che le norme non siano state adottate, almeno da quanto si è potuto vedere in televisione finora: non è mai comparso un militare che indossasse una maschera».

I rappresentanti dell'Osservatorio militare, i familiari delle vittime e i rappresentanti dei Comuni dove risiedevano alcuni militari colpiti o deceduti, pur apprezzando la costituzione della commissione, hanno rilevato come forse sarebbe stata più forte un'azione congiunta tra Camera e Senato e hanno chiesto che l’organismo sia dotato di una sua forte caratterizzazione giuridica e politica. Secondo Italo Arcuri, responsabile delle politiche sociali dei Comunisti Italiani, l'istituzione della commissione d'inchiesta «è un fatto positivo che va nella giusta direzione. Ora però sarebbe sciocco e insensato non farla lavorare bene. Per questa ragione va accolta la sacrosanta richiesta avanzata dall'Anavafaf e dall'Osservatorio Militare di coinvolgere familiari e legali rappresentanti nell'organismo di inchiesta».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il ministero della Difesa annuncia i rimborsi per chi si è ammalato nelle missioni all´estero
Militari contaminati dall´uranio adesso arrivano i risarcimenti
Armi all´uranio impoverito risarciti i militari ammalati
di Elsa Vinci su La Repubblica del 25/03/2005
In caserma si muore di più
Passano da 88 a 109 i militari deceduti per malattia. Superano anche gli incidenti letali, che sono aumentati del 31%. Sospetti sull'uranio impoverito
di Toni Mira su Avvenire del 19/10/2004

News in archivio

La decisione della commissione Sanità della Regione
Sardegna, un'indagine sull'uranio impoverito
L'iniziativa segue le denunce presentate da sindaci e comitati spontanei sui danni alla salute di militari sardi che hanno partecipato a missioni all'estero
su La Nuova Ecologia del 14/10/2004
Cresce la preoccupazione per la presenza di radioattività nei resti del C130. Molti curiosi si sono portati a casa "souvenir" della tragedia
Uranio impoverito: trovato a Piacenza nei rottami dell'aereo caduto
L'Arpa avverte la popolazione: "I resti non vanno toccati"
su La Repubblica del 17/08/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0