Da La Nuova Ecologia del 14/10/2004
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/inquinamento/nucleare/3611.php

La decisione della commissione Sanità della Regione

Sardegna, un'indagine sull'uranio impoverito

L'iniziativa segue le denunce presentate da sindaci e comitati spontanei sui danni alla salute di militari sardi che hanno partecipato a missioni all'estero

La commissione Sanità del Consiglio regionale effettuerà un'indagine conoscitiva sugli effetti dell'uranio impoverito. La decisione è stata presa dopo le denunce presentate da sindaci e comitati spontanei sugli effetti dell'uranio impoverito sulla salute di militari sardi che hanno partecipato a missioni all'estero, i danni che la presenza di uranio ha causato, in molte zone dell'isola, a persone, animali, piante.

La settima commissione permanente dell'Assemblea regionale, Sanità, presieduta da Pierangelo Masia, ha deciso di approfondire alcuni aspetti di questo terribile problema, avviando una indagine per accertare l'eventuale presenza di uranio impoverito in particolari zone dell'isola, quelle nelle quali sono in attività basi militari e per mettere a punto iniziative in grado di evitare i drammatici effetti che provoca, sulla salute umana, la presenza di questo minerale.

La Commissione ha deciso, quindi, una serie di audizioni con i rappresentanti degli enti locali, con i comandi militari delle diverse basi e dei reparti con base in Sardegna, con i responsabili delle strutture sanitarie interessate a questo specifico problema, con i comitati e le associazioni che si battono per "controllare ed evitare" questa pericolosa presenza.

La prima delle audizioni è in programma per mercoledì mattina; poi sarà messo a punto un calendario dettagliato degli incontri, nella sede del Consiglio, e dei sopralluoghi che la Commissione intende fare nelle zone "maggiormente a rischio".

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il ministero della Difesa annuncia i rimborsi per chi si è ammalato nelle missioni all´estero
Militari contaminati dall´uranio adesso arrivano i risarcimenti
Armi all´uranio impoverito risarciti i militari ammalati
di Elsa Vinci su La Repubblica del 25/03/2005
In caserma si muore di più
Passano da 88 a 109 i militari deceduti per malattia. Superano anche gli incidenti letali, che sono aumentati del 31%. Sospetti sull'uranio impoverito
di Toni Mira su Avvenire del 19/10/2004

News in archivio

I familiari vogliono essere coinvolti
Istituita una commissione d'inchiesta
Al Senato un organismo per far luce sulle morti e sulle patologie di soldati. Per il presidente dell'Anavafaf, Falco Accame, il nodo da sciogliere non è medico, ma politico
su La Nuova Ecologia del 15/09/2004
Cresce la preoccupazione per la presenza di radioattività nei resti del C130. Molti curiosi si sono portati a casa "souvenir" della tragedia
Uranio impoverito: trovato a Piacenza nei rottami dell'aereo caduto
L'Arpa avverte la popolazione: "I resti non vanno toccati"
su La Repubblica del 17/08/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0