Da La Nuova Ecologia del 17/10/2006
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/inquinamento/nucleare/6398.php

Energia: l'Australia apre al nucleare

La proposta del ministro dell'Industria: «Entro dieci anni pronto il primo impianto». L'opposizione: «Puntiamo su solare ed eolico». Proteste delle associazioni ambientaliste
Costruire il primo reattore entro dieci anni. Questo il proposito del governo australiano. «Sono favorevole ad un’industria del nucleare a fini pacifici, - ha dichiarato il primo ministro John Howard - coloro che esortano a fare qualcosa contro il riscaldamento globale ma voltano le spalle all’energia nucleare sono fuori della realtà». Il ministro dell’Industria Ian Macfarlane si è ulteriormente sbilanciato, dichiarando, in occasione della Conferenza dell’area del Pacifico sul nucleare, che l’Australia potrebbe costruire la sua prima centrale entro 10 anni. «Un ampio dibattito pubblico sulla questione è fondamentale, - ha aggiunto Macfarlane - ma credo che l’energia nucleare rappresenti un’opzione chiave per la riduzione dei gas serra». L’Australia, tra l’altro, è il paese col più alto livello al mondo di emissioni pro capite.

Le promesse di riduzione dell’inquinamento sono solo un aspetto della battaglia pro-nucleare ingaggiata dai politici australiani. Per novembre è prevista la presentazione di un rapporto di esperti - di nomina governativa - che descrive i vantaggi dell’estrazione, dell’arricchimento e dell’impiego dell’uranio a fini energetici. Finora, però, le garanzie del governo e le rassicurazioni degli scienziati non sono bastate a placare le polemiche. Inasprite dal fatto che, anche se non è ancora stata fatta una identificazione ufficiale dei siti per le centrali, gli esperti suggeriscono di situarle lungo le coste orientale e occidentale del continente, a non più di 100 km dalle grandi città, in modo da avvicinarle alle sedi della domanda di energia ed aumentarne l’efficienza economica.

Sull’onda delle polemiche, Kim Beazley, leader dell’opposizione laburista, ha assicurato che, in caso di vittoria alle politiche del 2007, non costruirà alcuna centrale nucleare, e che investirà sulle fonti rinnovabili, specie solare ed eolica. «Ora che il premier Howard ha dichiarato che vuole un’industria di energia nucleare, ci deve dire dove costruirà i reattori», ha detto. Le organizzazioni ambientaliste, dal canto loro, sottolineano che dopo 50 anni di tecnologia nucleare, non si hanno soluzioni sicure e di lungo termine al problema delle scorie radioattive, e che non vi sono garanzie che l’energia nucleare sia usata solo a fini pacifici, come conferma il test condotto di recente dalla Corea del Nord.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
Energia: crepe nucleari in Gran Bretagna
La British Energy ammette guasti agli impianti di Hartlepool e di Hinkley Point. Fermati i reattori. La società perde in Borsa
su La Nuova Ecologia del 16/10/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0