Da Amnesty International del 13/10/2006
Originale su http://www.amnesty.it/pressroom/comunicati/CS112-2006.html

Commercio armi: 77 governi co-sponsor di una risoluzione per un Trattato internazionale

Le organizzazioni promotrici della campagna Control Arms (Amnesty International, Oxfam International e Iansa – la Rete internazionale d’azione sulle armi leggere) hanno espresso il proprio apprezzamento per la decisione di 77 governi (tra cui l’Italia) di co-sponsorizzare una risoluzione per avviare i lavori per un Trattato internazionale sul commercio di armi.

La campagna Control Arms auspica che la risoluzione, che viene esaminata oggi dal Primo Comitato delle Nazioni Unite, sia sostenuta da ulteriori governi in vista del voto, previsto nell’ultima settimana di ottobre. Canada, Sudafrica e Brasile, che già si erano espressi in favore del Trattato, dovrebbero aggiungersi all’elenco dei co-sponsor. La risoluzione ha ricevuto un sostegno massiccio in Africa, America Latina ed Europa.

Per la prima volta – fanno notare Amnesty, Oxfam e Iansa – anche paesi il cui export di armi è in espansione, come Serbia, Romania e Bulgaria, hanno espresso il proprio appoggio a un Trattato internazionale sul commercio di armi. Un altro elemento di novità è costituito dal fatto che la risoluzione è sostenuta da paesi devastati dalla violenza armata, tra cui Colombia, Haiti, Liberia, Ruanda e Timor Leste.

“Finalmente si passa all’azione. Non appena ai governi è stata data la possibilità di sponsorizzare una risoluzione per avviare i lavori sul Trattato, si sono messi in fila per firmarla” – ha commentato Anna Macdonald di Oxfam International.

“Siamo partiti! I governi che sono rimasti a terra hanno 10 giorni di tempo per salire a bordo. Ora dobbiamo evitare che questo mare a favore non sia ostacolato dallo scetticismo di un piccolo gruppo di Stati” – ha aggiunto Brian Wood, di Amnesty International.

Amnesty International, Oxfam International e Iansa hanno unito le proprie forze nella campagna “Control Arms”, per l’adozione di un Trattato internazionale sul commercio di armi basato sul rispetto del diritto internazionale, in particolare delle norme sui diritti umani e del diritto umanitario. La campagna “Control Arms”, sostenuta da venti premi Nobel, è al suo terzo anno di attività.

“Da quando abbiamo lanciato la campagna, nel 2003, si stima che oltre un milione di persone siano state uccise dalle pistole e da altre armi leggere. I governi devono appoggiare il Trattato internazionale sul controllo delle armi” - è l’appello di Mark Marge, di Iansa.


ULTERIORI INFORMAZIONI

In Italia la campagna Control Arms è rilanciata dalla Sezione Italiana di Amnesty International e dalla Rete italiana per il Disarmo. Oltre a contribuire alla grande mobilitazione mondiale, i promotori intendono agire per migliorare gli strumenti legislativi e di trasparenza esistenti in Italia sul commercio di armi. Il nostro paese è infatti il quarto produttore e il secondo esportatore mondiale di armi leggere, eppure la nostra legislazione è vecchia di 30 anni e ad oggi non esiste alcuna forma di controllo sugli intermediatori internazionali di armi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Global military spending set to top Cold War high as conflict causes record hunger
Oxfam calls on UN member states to support an Arms Trade Treaty
su Oxfam del 22/09/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0