Da Agenzia Fides del 05/10/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=10601&lan=ita

Burundi: integrare l'economia con quella degli Stati vicini per rilanciare lo sviluppo del Paese

Bujumbura - Ed ora l'economia! Dopo l'avvio delle trattative di pace con l'ultimo gruppo di guerriglia ancora attivo nel Paese, le Forze Nazionali di Liberazione (FNL, vedi Fides 7 settembre 2006), il Burundi guarda ai progetti per rimettere in sesto l'economia nazionale e integrarsi nel mercato regionale.

Uno sguardo ai futuri programmi economici del Paese è dato da un'intervista rilasciata alla “East African Business Week” da Christian Nkengurutse, Incaricato d'Affari del governo burundese a Kampala, capitale dell'Uganda. Ne riportiamo alcuni brani.

“Il Burundi, come molti altri Paesi africani, dipende dall'agricoltura come prima entrata economica. Questo significa che il Paese deve espandere le proprie capacità di esportazione per avere una bilancia commerciale relativamente favorevole” dice Nkengurutse. “Il Burundi produce una quantità notevole di caffè e di tè che va molto al di là del consumo locale, permettendo di esportarne grandi quantità. Abbiamo inoltre un'industria saccarifera che è in espansione e può trasformarsi in un altro elemento importante per l'esportazione. Il Burundi esporta pure cuoio e pelli, anche se il numero dei capi di bestiame si è ridotto drasticamente. Ciò non dovrebbe essere un motivo di seria preoccupazione perché il ministero dell'agricoltura sta avviando un nuovo progetto per far risorgere il settore”.

“Il Burundi inoltre esporta un tipo di birra in Rwanda. Speriamo di estendere questa esportazione in Tanzania e in Uganda” continua l'Incaricato d'Affari burundese. “Tuttavia, tutto questo dipende dal progresso dei negoziati per entrare nella Comunità dell'Africa Orientale (EAC). Il nostro desiderio è quello di integrare la nostra piccola base industriale con quella degli altri Paesi della regione per aumentarne il grado di efficienza. Credo che entro il novembre 2006 riusciremo a unirci alla EAC”.

“Per quel che riguarda i programmi per estirpare la povertà, il governo burundese già ha avviato un programma di emergenza del valore di 168 milioni di dollari. E si spera di avviare un nuovo programma del valore di 1 miliardo e 78 milioni di dollari. Con i due programmi, speriamo di dare inizio ad una nuova era economica: potremo fare funzionare diversi progetti e programmi economici, non solo per rimettere in sesto l'economia ma anche agganciarci alle economie dei Paesi della regione” dice Nkengurutse.

Il Burundi è però un Paese francofono, mentre i membri della EAC sono in gran parte anglofoni, ma questo, secondo Nkengurutse, non rappresenta un problema. “Non bisogna pensare che le barriere linguistiche possano fermare l'integrazione economica dei Paesi dell'Africa orientale perché dobbiamo considerare che siamo africani che si appoggiano su lingue importate” dice il rappresentante del governo burundese. “Comunicare in inglese o in francese deriva infatti dal nostro passato coloniale. Dobbiamo considerare che abbiamo una lingua comune nella nostra regione, che è il Kiswahili. In Burundi, abbiamo due lingue principali, il francese e il Kirundi, ma il desiderio di entrare nella EAC, ha fatto sì che abbiamo iniziato nuovi programmi nelle scuole primarie per insegnare lo Swahili e la lingua inglese. Grazie alla padronanza di queste lingue, la nostra popolazione potrà interagire con le loro controparti dell'Africa Orientale. Naturalmente, questo è un programma di formazione, e occorreranno anni per acquistare una buona padronanza di queste lingue”.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Grandi Laghi, un’estate senza guerre?
Spiragli di pace in Burundi e Uganda
di Matteo Fagotto su Peace Reporter del 03/06/2006
Dopo l’uccisione del nunzio, minacce alla Chiesa
Testimone di pace
Mons. Courtney si era impegnato a favore dell’accordo tra il Governo e l’opposizione armata, spingendo alla trattativa i ribelli del Fronte nazionale di liberazione.
di Luciano Scalettari su Famiglia cristiana del 11/01/2004

News in archivio

Burundi: iniziato il rimpatrio dei rifugiati congolesi
Ancora oggi 420mila cittadini della Repubblica Democratica del Congo sono rifugiati in diversi Paesi
su Agenzia Fides del 11/10/2006
Burundi: da bambini soldato a bambini carcerati
Il dramma degli ex piccoli combattenti delle Forze Nazionali di Liberazione nelle carceri burundesi
su Agenzia Fides del 21/06/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0