Da asianews.it del 16/08/2006
Originale su http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=6957

Sri Lanka: le 61 ragazze uccise a Mullativu non erano "ribelli", ma solo scolarette

Un gruppo di ong smonta la difesa del governo, secondo cui l'orfanotrofio era "una base delle Tigri Tamil"

Colombo – Le 61 ragazze uccise in un raid aereo il 14 agosto scorso, non erano ribelli : lo affermano l'Unicef e alcuni rappresentanti internazionali per il monitoraggio del cessate-il-fuoco che smontano così la difesa costruita dall'esercito cingalese.

Due giorni fa, l'aviazione militare ha bombardato un orfanotrofio a Mullativu, mentre gruppi di ragazze delle scuole dell'area tenevano un incontro di training sull'attuazione dei primi soccorsi. Le Tigri Tamil (Ltte) hanno subito accusato il governo del massacro. Il governo, a sua volta, si è difeso dicendo che il luogo era in realtà una base dei ribelli e ogni ragazzo o ragazza delle scuole collegate sono in realtà dei "bambini-soldato" e perciò "terroristi".

Un gruppo formato da membri dell'Unicef e dallo Sri Lankan Monitoring Mission (Slmm) ha visitato il luogo e ha dato un'altra versione. JoAnna VanGerpen, dell'Unicef ha dichiarato che "questi erano bambini venuti dale scuole circostanti per due giorni di esercitazioni sui primi soccorsi. Non sappiamo ancora chi ha promosso l'incontro". I visitatori sono rimasti "orripilati" da ciò che hanno trovato. Oltre all'alto numero di morti, vi sono anche 150 bambine ferite.

Keheliya Rambukwella, portavoce del governo, ha rifiutato le conclusioni delle due organizzazioni, dicendo che esse non hanno utilizzato per le loro ricerche degli esperti militari. "Noi abbiamo studiato tutto questo per anni" ha detto. "Essi usavano quel luogo per trovare combattenti per le Tigri. Se i bambini sono terroristi, che possiamo farci?". "Il sesso o l'età – ha precisato - non possono essere una preoccupazione perchè [i bambini] sono educati ad essere soldati, a portare le armi e ad uccidere i nemici".

Il raid aereo è avvenuto in un momento in cui il conflitto fra esercito e guerriglia – che dura da decenni - sembra riprendere con forza, tanto da far temere un ritorno alla guerra civile.

La gente dello Sri Lanka non è nuova a questo genere di cose. Le accuse reciproche sul massacro di Mullativu mette in luce un'agghiacciante caratteristica del conflitto. Fin dai primi anni '80 le Tigri Tamil hanno reclutato Tamil per farli partecipare alla "lotta di liberazione". Fra essi, secondo l'Unicef, l'Ltte ha reclutato almeno 3500 bambini-soldato. Molti Tamil che si rifiutano sono costretti anche con la forza a contribuire al reclutamento almeno con un membro della propria famiglia. La risposta del governo a questo tipo di minaccia "terrorista" è stata spesso altrettanto violenta, con punizioni collettive verso famiglie e villaggi Tamil.

Sullo stesso argomento

News in archivio

Sri Lanka: mentre si continua a combattere, si cerca il dialogo
La popolazione spera nei colloqui del 28-29 ottobre in Svizzera
su Agenzia Fides del 13/10/2006
Mentre continua la violenza che colpisce i civili
Sri Lanka: situazione disperata dei profughi
su Agenzia Fides del 06/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0