Da IMG Press del 23/08/2006
Originale su http://www.imgpress.it/notizia.asp?idnotizia=20637&idsezione=3

Mafia: quella discarica di Mazzarrà Sant'Andrea che fa gola a Cosa Nostra

Mentre i mezzi di comunicazione locali continuano a sfornare storie su quale potrà essere il prossimo futuro di Mazzarrà Sant'Andrea (Messina), dopo l'eliminazione in puro stile mafioso dell'imprenditore Antonio Rottino, sarebbe opportuno soffermarsi un attimo a riflettere su quello che rappresenta la mafia per dei luoghi abbandonati da Dio e dagli uomini. A nostro avviso, un fattore particolarmente significativo a questo risultato di degrado è che ai politici locali non piace cambiare registro. Perché quel territorio saccheggiato e che ha portato in Parlamento fior di onorevoli e senatori costituisce parte integrante di una psiche che avrebbe bisogno di essere studiata a fondo. Le storie di Rottino e del suo amico Carmelo Bisognano ci insegnano che quando ci impegniamo in una cosa seria come la guerra alla mafia, subito si perde il consenso degli elettori che temono vada in fumo il loro lavoro, quasi sempre legato a filo diretto con quello delle cosche. In quelle zone messinesi non si può fare impresa o installare industria se ciò non viene ratificato dal tavolino al quale sono seduti politici, imprenditori, mafiosi e giornalisti. Un comitato d'affari capace di piegare alle sue esigenze anche chi prova a liberare dalla tirannide una comunità in ginocchio e vessata dal racket. Racket che, grande meraviglia della democrazia e della libertà, l'antiracket non combatte quasi mai con forza. A meno che non si voglia definire antiracket quello di parata che serve a far vendere i libri agli amici di tavolo. L'omicidio di Antonio Rottino è il primo segnale di un ritrovato dinamismo di quelle cosche e di quei poteri occulti che qualcuno aveva ritenuto di poter tenere a bada solo assegnando loro delle piccole commesse. Non hanno compreso che il vecchio pastore si è fatto furbo e davanti alla torta del riciclaggio dei rifiuti che garantisce milioni di euro non si accontenta più di una fettina sottile. Se si vuole combattere il crimine organizzato e ridare dignità a quelle terre occorre impegnarsi in una battaglia seria, senza sconti per vecchi leoni famelici, da anni ras dei Nebrodi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Carcere duro, il Grand Hotel della mafia
I boss dietro le sbarre: da Buscetta a Mutolo
di Francesco Licata su La Stampa del 22/10/2006
Nel mandamento dei Lo Piccolo la conferma di un conflitto emerso dalle intercettazioni dell'operazioni Gotha
Scompare un boss, è guerra di mafia
Lupara bianca per Spatola capo della cosca di Tommaso Natale
di Francesco Viviano su L'Espresso del 22/09/2006
La strage di Brescia per uno sgarro alla mafia
Il procuratore Tarquini: movente del triplice delitto la spartizione del denaro ricavato da false fatturazioni legate a finanziamenti pubblici
di Gabriele Villa su Il Giornale del 16/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0