Da Panorama del 13/09/2006
Originale su http://www.panorama.it/mondo/medioriente/articolo/ix1-A020001037870

Siria: l'attentato di Damasco, un'occasione

I complimenti del portavoce della Casa Bianca per l'intervento delle forze speciali. Quelli del segretario di Stato americano. Bashar Assad incassa l'apertura di credito Usaa. E pensa a scrollarsi di dosso la fama di Paese canaglia
Parlare di disgelo è prematuro. Eppure lo sventato attentato all'ambasciata statunitense a Damasco un effetto politico lo potrebbe produrre: sdoganare Damasco sulla scacchiera internazionale dopo anni di isolamento e velate minacce di sanzioni economiche e militari. La prima a complimentarsi con il governo siriano per l'efficienza delle sue forze speciali è stata Condoleezza Rice, seguita a pochi minuti di distanza dal portavoce della Casa Bianca, Tony Snow: «Una volta di più la Siria ha dimostrato di poter essere un importante alleato nella guerra contro il terrorismo». Anche i tg sui media americani - persino quelli conservatori come Fox - hanno cambiato tono e aperto il dibattito sulla vera natura del regime siriano: Paese-canaglia o piuttosto baluardo militarista e laico contro l'ascesa al potere dei Fratelli musulmani? Amico e finanziatore di Hezbollah e Hamas o alleato nella guerra al terrorismo di Al Qaeda? Il clima, nella comunità internazionale, sta cambiando e Damasco potrebbe approfiottarne per ritagliarsi un nuovo ruolo sulla scena mediorientale.


DUE GARANZIE

Considerato come uno dei Paesi dell'Asse del Male, e ritenuto responsabile del finanziamento di organizzazioni della black list del terrore, in Libano, in Iraq, in Palestina, il regime siriano è stato per lunghi anni un alleato di ferro dei sovietici, dai quali ha mutuato due elementi che oggi possono tornare utili agli americani e agli europei nella loro guerra contro le forze irregolari del terrorismo: 1) l'impronta laica e antifondamentalista del Baath, il partito-Stato responsabile della repressione della rivolta islamista di Hama del 1982; 2) il carattere fortemente militarista dello Stato siriano, a garanzia dell'efficienza dei suoi tentacolari servizi segreti, più volte lodati dagli americani dopo l'11 settembre per aver fornito informazioni chiavi nella caccia agli uomini di Al Qaeda. Anche Gerusalemme, che (a ragione) ha sempre accusato Damasco di fornire appoggio logistico e militare alle componenti più oltranziste di Hamas, questa volta preferisce tacere: qualora il regime siriano dovesse implodere, al confine con Israle nascerebbe con ogni probabilità uno Stato governato dai Fratelli musulmani, un'organizzazione islamista in ascesa tra la popolazione povera di Aleppo, Hama e Damasco.


OCCASIONE

Del resto, la scelta siriana di finanziare Hamas ed Hezbollah - lungi dall'essere una scelta ideologica a sostegno dei fondamentalisti palestinesi e libanesi - è stata determinata da una considerazione pragmatica: solo innalzando il livello di tensione internazionale ai confini con la Siria, si può sperare che le minacce israelo-americane restino lettera morta. Giusto o sbagliato che sia è stato questo il calcolo siriano. Ora tutto potrebbe cambiare, anche nel traffico di armi verso il Libano, se Bashar al Assad saperà cogliere l'occasione.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Medio Oriente: armi a Iran ed Hezbollah, Russia sotto accusa
Gli Usa impongono sanzioni ad aziende russe. Israele: "A Hezbollah, lanciarazzi dalla Russia"
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 08/08/2006
Iran warns the west: ignore us at your peril
Tehran predicts summit failure as UN observers die in Israeli airstrike
di Ewen MacAskill, Simon Tisdall su The Guardian del 26/07/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0