Da Agenzia Fides del 12/09/2006
Originale su http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=10356&lan=ita

Intervista a uno dei mediatori della Comunità di Sant'Egidio per il Nord Uganda

Uganda: “I passi avanti sono concreti: la pace è possibile”

Kampala - “Penso che si è finalmente imboccata la strada della pace. Va dato atto al governo del sud-Sudan di offrire un contributo fondamentale per pacificare il Nord Uganda” dice all'Agenzia Fides Vittorio Scelzo, rappresentante della Comunità di Sant'Egidio nella squadra dei mediatori internazionali per il Nord Uganda. Il 26 agosto è stato firmato a Juba (Sud Sudan) l'accordo bilaterale per la cessazione delle ostilità tra il Governo Ugandese e l'Esercito di Resistenza del Signore (LRA, vedi Fides 28 e 30 agosto 2006). Il cessate il fuoco è entrato in vigore il 29 agosto.

“Secondo le intese, i combattenti della LRA si stanno radunando nelle aree di raccolta previste, sotto la protezione delle forze di sicurezza del sud-Sudan. Si tratta di un passo fondamentale che dimostra che si è creato un clima di fiducia tra le parti, che fa ben sperare per il proseguimento dei colloqui di pace” dice Scelzo. “Entro il 19 settembre tutti gli appartenenti alla LRA devono aver raggiunto le aree di raccolta. Al momento non è previsto il loro disarmo, che sarà avviato dopo il raggiungimento dell'accordo di pace definitivo. Per questo è importante l'intervento delle Nazioni Unite, promesso dal sotto-Segretario dell'ONU per gli Affari Umanitari, Jan Egeland, per nutrire e offrire alcuni servizi di base a queste persone. Guai infatti se si lasciassero delle persone armate a patire la fame”.

“La tregua ha già portato dei benefici alla popolazione del Nord Uganda. Si respira finalmente un clima di fiducia e di speranza. La maggior parte dei bambini può finalmente dormire nelle proprie case e non nelle aree protette per paura di essere rapiti dalla guerriglia per essere arruolati a forza nella guerriglia (vedi Fides 26 giugno 2006)” sottolinea il responsabile della Comunità di Sant'Egidio.

Finora circa 500 ribelli della LRA sono giunti in due delle tre località del Sud Sudan dove devono tutti radunarsi mentre -raggiunta anche su questa base l'intesa sul cessate il fuoco- i negoziati di pace tra governo di Kampala e leadership della guerriglia proseguono. Tra loro sembra ci sia il numero due dei ribelli, Vincent Otti. Su cinque dei leader della LRA (uno dei quali, peraltro, intanto è morto) pende un mandato di cattura internazionale per crimini di guerra e violazione dei diritti dell'uomo emesso circa un anno fa dal Tribunale Penale Internazionale dell'Aja. La LRA dice che non firmerà la pace se il mandato non sarà formalmente revocato; il Presidente ugandese Museveni, in difficoltà, riafferma che la Corte Penale Internazionale non può bloccare il processo di riconciliazione in Uganda; mentre i responsabili delle Nazioni Unite, stanno cercando altre strade per riaffermare la legislazione del Tribunale, salvaguardando allo stesso tempo il processo di pace.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'Uganda nelle mani di Joseph Kony
Il destino del capo ribelle divide il mondo. E condiziona il processo di pace
di Matteo Fagotto su Peace Reporter del 19/09/2006

News in archivio

Uganda: le trattative procedono
I rappresentanti dello LRA stanno dimostrando una capacità negoziale di buon livello” dice uno dei mediatori internazionali per la pace nel Nord Uganda
su Agenzia Fides del 11/10/2006
A 18 mesi dalla firma dell’accordo di pace
Sudan: il sud Sudan torna a vivere e a sperare in un futuro migliore
su Agenzia Fides del 13/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0