Da La Repubblica del 19/07/2006
Originale su http://www.repubblica.it/2006/07/sezioni/politica/legge-gasparri/parte...

La Commisione ha inviato al governo una "lettera di avviso formale"

Legge Gasparri, la Ue avvia la procedura d'infrazione

"Ingiustificati vantaggi" degli operatori esistenti nel digitale

BRUXELLES - Come previsto, da Bruxelles è arrivato il via libera alla procedura di infrazione contro l'Italia in merito alla legge Gasparri. La Commissione europea ha deciso di inviare al governo Prodi una "lettera di avviso formale" in cui si chiedono chiarimenti su alcuni punti della riforma del sistema televisivo sospettati di non essere compatibili con le regole europee sulla concorrenza.

In particolare - si legge in una nota - l'esecutivo Ue è preoccupato per l'introduzione nella legge Gasparri di "ingiustificate restrizioni" alla fornitura di servizi nel settore delle trasmissioni televisive, attribuendo "ingiustificati vantaggi" agli operatori già esistenti.

La lettera inviata a Roma è il primo passo della procedura di infrazione. Ora l'Italia ha due mesi di tempo per rispondere alla Commissione.

La procedura di Bruxelles nasce da una denuncia dell'associazione Altroconsumo, secondo cui la riforma Gasparri viola le direttive europee sul settore televisivo nel momento in cui avvantaggia gli operatori esistenti nel passaggio dal sistema analogico a quello digitale. In pratica, una denuncia del duopolio Rai-Mediaset accusato di posizione dominante.

Secondo la Commissione - come si legge nella nota - la legge Gasparri può realmente precludere l'accesso al digitale terrestre di nuovi operatori che attualmente non sono attivi nel campo delle trasmissioni analogiche, impedendo loro di sperimentare le nuove tecnologie e di creare dei propri network digitali.

Inoltre, secondo Bruxelles la legislazione italiana consente l'occupazione delle frequenze da parte degli operatori dominanti: infatti tali operatori attivi nell'analogico possono acquisire ulteriori frequenze per la sperimentazione delle trasmissioni digitali, e hanno quindi la possibilità di trasmettere contemporaneamente sia sull'analogico che sul digitale.

Infine, nel mirino della Commissione c'è la parte della legge che consente agli operatori dominanti di mantenere il controllo sulle frequenze e sulle reti per le trasmissioni analogiche fino al momento in cui passeranno al digitale terrestre, privando gli operatori concorrenti di beneficiare delle nuove tecnologie.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dalle Marche l'idea di fondare una societÓ pubblica. Oltre 40 i paesi coinvolti. L'iniziativa porterÓ a prezzi molto bassi internet veloce nei centri non raggiunti
Comuni contro il digital divide "L'Adsl? Per noi Ŕ come l'acqua"
Dopo l'esperienza di Verrua Savoia si moltiplicano le iniziative in tutta Italia
di Daniele Semeraro su La Repubblica del 01/12/2006
 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2018
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0