Da Il Resto del Carlino del 08/04/2006
Originale su http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/art/2006/04/08/5410961

Iran: Bush userÓ l'atomica

Il New Yorker: 'Pronti a bombardare l'Iran con armi nucleari tattiche', con l'obiettivo di far sollevare la popolazione contro Ahmadinejad. Ma al Pentagono si teme una successiva ondata di attacchi anti-Usa
Washington - L'amministrazione Bush sta pianificando una massiccia campagna di bombardamenti contro l'Iran, che non esclude l'uso delle bombe atomiche distruggi-bunker per demolire l'impianto atomico di Natanz.

La rivelazione è del 'New Yorker', che ha anticipato un articolo che apparirà sul numero del 17 aprile. L'autore è Seymour Hersh, uno dei più noti giornalisti d'inchiesta statunitensi, lo stesso che rivelò la strage di My Lai, in Vietnam, e più di recente gli abusi nel carcere di Abu Ghraib.

Secondo l'informatissimo reporter, il presidente George W. Bush e alcuni suoi collaboratori, alla Casa Bianca, considerano il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad un potenziale Adolf Hitler. «È proprio questo il nome che usano», ha raccontato un ex responsabile dei servizi segreti.

Secondo una fonte del Pentagono, «questa Casa Bianca ritiene che l'unico modo per risolvere il problema sia cambiare la struttura di potere in Iran, e questo significa guerra».

La convinzione che circola nell'amministrazione è che «una sostenuta campagna di bombardamenti umilierebbe la leadership religiosa e convincerebbe la gente a sollevarsi e rovesciare il governo».

Nelle ultime settimane, il presidente ha già dato avvio a una serie di contatti con alcuni importanti senatori e membri del Camera, tra cui almeno anche un democratico.

Una delle opzioni all'esame prevede il possibile uso di armi nucleari tattiche come le bombe B61-11 'bunker buster' (distruggi-bunker) per radere al suolo l'impianto per l'arricchimento dell'uranio di Natanz.

Il problema è dato dalle resistenze, che circolano anche in seno ai militari, rispetto all'utilizzo di «armi nucleari contro altri Paesi», una resistenza che ha spinto qualcuno anche a minacciare di dimissioni.

Secondo il consigliere del Pentagono, bombardare l'Iran scatenerebbe una «reazione a catena» fatta di attacchi contro rappresentanze e cittadini americani nel mondo e potrebbe anche rinfocolare la reazione di Hezbollah. «Se andiamo, la metà meridionale dell'Iraq si accenderà come una candela».

Sullo stesso argomento

 
Cos'´┐Ż ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono giÓ registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0