Da La Nuova Ecologia del 20/04/2006
Originale su http://www.lanuovaecologia.it/speciale/no_war/5719.php

Uranio impoverito: senza casa né vergogna

Sfrattata dal ministero della Difesa la vedova di un militare morto dopo le missioni in Kosovo. «Mi hanno buttata via in tutta fretta, ma per avere l'indennità per l'uranio impoverito»

Non finiscono le sofferenze e le frustrazioni per i parenti delle vittime della sindrome dei Balcani. «Per la casa hanno fatto in fretta a decidere lo sfratto, per riconoscere che mio marito ha dato la vita per l'esercito ci vogliono anni» lo ha detto F.L., moglie di un maresciallo meccanico di artiglieria esposto ad uranio impoverito e deceduto due anni fa per tumore al pancreas, alla quale il ministero della difesa ha intimato di lasciare in breve tempo la casa in cui vive con i figli.

La signora, che chiede siano usate solo le iniziali a tutela dell'identità dei minori della sua famiglia, ha avviato la richiesto per il riconoscimento della causa di servizio per la morte del coniuge. Il maresciallo capo A.F., riporta oggi "QN", ha compiuto tre missioni nei Balcani, ricevendone dalla Nato due encomi per gli otto mesi passati in Kosovo.

Le missioni all'estero cui ha partecipato - spiega la moglie - erano andate dal Natale del 1991 al 12 aprile 1992, quindi dal 15 dicembre 1999 al 31 marzo 2000 e sucessivamente dall'11 settembre 2002 ai primi giorni del 2003. A.F. si era sentito male dopo l'ultimo rientro in patria; dalla diagnosi del tumore alla morte erano intercorsi 43 giorni. ”QN”, nel descrivere i danni causati all'organismo umano dall'uranio impoverito (decadimento radioattivo: quattromila anni), ricorda che la sostanza radioattiva era presente nei proiettili Usa impiegati in Kosovo dai caccia A10 che partivano da Aviano e Vicenza, ma anche nei proiettili usati in alcune zone della Bosnia, in Iraq e in Somalia.

«Non voglio strumentalizzare la morte di mio marito, io non cerco soldi - afferma la vedova - cerco solo che mi diano una risposta: finora sono stata sempre zitta, ho soltanto chiesto che venga riconosciuta la causa di servizio e che mi rispondano se mio marito è morto o no per l'uranio impoverito». «Mi fa rabbia - aggiunge - che per questa risposta ci vogliano anni e per lo sfratto un istante: facciano coi loro tempi, ma ci volevano gli stessi tempi anche per la casa».

Sullo stesso argomento

News in archivio

Cresce la preoccupazione per la presenza di radioattività nei resti del C130. Molti curiosi si sono portati a casa "souvenir" della tragedia
Uranio impoverito: trovato a Piacenza nei rottami dell'aereo caduto
L'Arpa avverte la popolazione: "I resti non vanno toccati"
su La Repubblica del 17/08/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0