Da Il Denaro del 25/05/2006
Originale su http://www.denaro.it/go/a/_articolo.qws?recID=240044

Fusione nucleare: parte Iter, reattore pulito. L’avvio dei lavori nel 2007

I rappresentanti di Ue, Russia, Giappone, Cina, Corea del Sud e Usa confermano ieri a Bruxelles il loro impegno per Iter, il progetto di reattore sperimentale pulito per produrre energia dalla fusione termonucleare. Nella capitale europea, i sette partner sanciscono gli accordi già raggiunti, dopo lunghi negoziati, perché il progetto sia localizzato a Cadarache, nel Sud della Francia. Iter rappresenta una sfida scientifica e tecnologica per i prossimi decenni: a fianco dell’energia dalla fissione nucleare, quella dalla fusione è infatti la speranza di fonti energetiche nuove e in grande quantità per il ventunesimo secolo. Le centrali nucleari tradizionali si basano sul meccanismo della fissione, mentre i reattori a fusione nucleare si basano su un processo analogo a quello con cui si sprigiona energia nel sole e nelle stelle in seguito alle reazioni di fusione tra nuclei d’idrogeno. Questo tipo di fusione, spiegano gli esperti Ue, non produce gas ad effetto serra, non rappresenta rischi e non genera rifiuti radioattivi. “Il progetto Iter - dice il commissario europeo alla ricerca Janez Potocnik - rappresenta un nuovo modello di cooperazione scientifica e tecnica su scala mondiale”. Secondo quanto riferito dal commissario, l’Ue assicurerà un finanziamento del 40 per cento dei costi di costruzione, mentre un 10 per cento sarà messo dalla Francia. Usa, Giappone, Cina e Corea del Sud si assumeranno un onere del 10 per cento ciascuno. La spesa complessiva prevista è di circa 4,7 miliardi di euro. I costi di gestione, pari a circa 5 miliardi, saranno anch’essi divisi tra i partner del progetto. I lavori per la costruzione del reattore dovrebbero cominciare nel 2007, una volta ottenuti tutti i permessi, e dovrebbero terminare in una decina di anni. L’accordo che ieri è sancito nuovamente, dovrà ora essere siglato ufficialmente e ratificato da tutte le parti interessate.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Riserva energetica, meta turistica, base spaziale: riparte la corsa allo sfruttamento del satellite
Luna quanto mi manchi
Schmitt, l’ultimo uomo che vi ha camminato, spiega in un saggio perché bisogna tornarci
di Piero Bianucci su La Stampa del 22/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2023
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0