Da Greenreport del 30/03/2006
Originale su http://www.greenreport.it/contenuti/leggi.php?id_cont=1226

Ogm: per la Società italiana di tossicologia la coesistenza è possibile

ROMA. La Società italiana di tossicologia (Sitox) ed altri istituti di ricerca hanno presentato il «Consensus document» a favore della coesistenza in Italia tra biotech e le colture tradizionali e biologiche. «Sulla base delle esperienze accumulate e dei risultati degli studi ad hoc – si legge nel documento – risulta possibile affermare che le piante transgeniche non differiscono dalle varietà convenzionali nel loro comportamento in campo, eccetto per la caratteristica desiderata con modifica. I criteri che stanno alla base dei piani di coesistenza delle varietà convenzionali sono razionali e possono costituire il modello per stabilire analoghi criteri per le varietà transgeniche. Sono già oggi disponibili, per le principali colture, pratiche agricole che consentono di rispettare la soglia dello 0,9% per i prodotti non Ogm imposta dal Regolamento Europeo 1830/2003. Tali pratiche, correttamente predisposte, non comportano significativi aumenti dei costi di gestione e sono adattabili al contesto agrario italiano. Anche se le osservazioni fin qui raccolte indicano un´omogeneità di comportamento delle colture nei diversi ambienti analizzati, appare opportuno seguire un approccio che tenga conto anche delle caratteristiche pedoclimatiche e ambientali del territorio, per ottimizzare l’efficacia delle azioni intraprese e proporzionarle in modo tale da non gravare gli agricoltori di oneri superiori a quelli necessari. La ricerca in campo e i modelli statistici indicano che nel caso del mais, una distanza adeguata (di 25 - 40 metri) tra campi di mais geneticamente modificato e convenzionale è sufficiente al fine di mantenere il livello di impollinazione incrociata sotto la soglia dello 0,9% sancita dalla Ue ai fini della dichiarazione ‘non Ogm’. La coesistenza tra i diversi sistemi agricoli è pertanto possibile rispettando i criteri indicati dalla raccomandazione europea: trasparenza, scientificità, proporzionalità e specificità, e promuovendo azioni di monitoraggio e gestione delle pratiche di coesistenza adottate».

Lapidario il commento dì Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente: «La coesistenza è possibile? Certo che è possibile. Lo dimostra il fatto che la Sitox ‘coesiste’ con le multinazionali del farmaco, i cui rappresentanti fanno parte del suo consiglio direttivo, e che tra i suoi partner annovera anche i giganti del biotech. Ironia a parte – aggiunge Ferrante – questo manifesto pro-ogm dimostra che il problema della ricerca sulle biotecnologie in campo alimentare è serio, eccome. Non sorprende che l’industria degli ogm faccia propaganda ai suoi prodotti e cerchi in tute le occasioni di rassicurare i consumatori e i governi, ma certo che per salvaguardare al meglio la salute dei cittadini e quella dell’ambiente c’è la necessità in questo settore di una ricerca pubblica, indipendente, libera da condizionamenti».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L’Italia si allinea all’Ue sui biocarburanti per diminuire la dipendenza dal petrolio
Più “girasoli nei motori” per risparmiare su benzina, diesel e ridurre l’inquinamento atmosferico
di Roberto Casalena su L'Opinione del 10/11/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0