Da RaiNews24 del 28/03/2006
Originale su http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=60684

Afghanistan: liberato nella notte Abdul Rahman accusato di apostasia

Fini: ospitalita' in Italia

Kabul - E' stato liberato la notte scorsa Abdul Rahman, il cittadino afghano che rischiava la pena di morte per essersi convertito al cristianesimo. Lo ha reso noto il ministro della Giustizia, Sarwar Danish.

Il rilascio dell'apostata, la cui vicenda ha suscitato una vasta campagna internazionale a suo favore, era stato preannunciato dal vice procuratore generale dell'Afghanistan, Mohammad Ishaq Aliko; questi aveva spiegato che a termini di legge l'uomo non poteva essere ulteriormente trattenuto in custodia, malgrado la gravissima accusa di apostasia, poiche' aveva gia' trascorso un mese in carcere senza che a suo carico fosse stata pronunciata una condanna vera e propria.


FINI: OSPITALITÀ IN ITALIA

Il vice presidente del Consiglio e ministro degli Esteri Gianfranco Fini chiedera' domani al Consiglio dei ministri di concedere ad Abdul Rahman ospitalita' in Italia. La richiesta di Fini verra' esposta anche in considerazione del fatto che l'Italia e' intervenuta tra i primi in favore del cittadino afghano Abdul Rahman.

Abdul Rahman si era convertito al cristianesimo 16 anni fa, quando lavorava per un'associazione non governativa cristiana in Pakistan. Poi ha vissuto 9 anni in Germania prima di tornare in Afghanistan.

E' stato arrestato un mese fa, denunciato dai parenti per aver abbandonato la religione islamica, reato punibile con la pena di morte in base alla legge islamica in vigore in Afghanistan, la sharia.

Il suo caso ha provocato una vasta serie di proteste in occidente, in particolare negli Stati Uniti che hanno fatto pressione sul governo di Hamid Karzai, affinchè venisse rispettata la libertà di culto, iscritta nella costituzione.

Domenica scorsa la Corte suprema ha deciso di interrompere il processo e di rinviare il caso alla procura generale per una serie di dubbi sulle capacità mentali dell'accusato. Ieri, la missione Onu a Kabul ha annunciato che Abul Rahman ha chiesto asilo all'estero e che spera che uno dei paesi interessati lo accolga per concludere in maniera pacifica il suo caso.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Un appello per salvare zio Tibo
E' stato scritto ad Assisi per salvare i tre cristiani indonesiani condannati a morte da da diversi leader religiosi musulmani
di Emanuele Giordana su Lettera 22 del 16/09/2006
La condanna di Saddam un grave errore. Con l'Iraq pronto ad infiammarsi
Il processo senza giustizia con un verdetto farsa
di Antonio Cassese su La Repubblica del 06/11/2006

News in archivio

Il Vescovo indonesiano di Maumere (isola di Flores)
Indonesia: "Abbiamo gridato e fatto una campagna non solo per i tre cattolici, ma per la vita umana"
"Continueremo in futuro, accanto a i nostri fratelli musulmani"
su Agenzia Fides del 26/09/2006
Afghanistan: potrebbe essere liberato l'apostata Abdur Rahman
Il giudice: istruttoria viziata, da rifare
su RaiNews24 del 27/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0