Da Adnkronos del 25/03/2006
Originale su http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Esteri&loid=1.0.362607548

El Baradei: ''Pochi sforzi da Consiglio di Sicurezza per affrontare minaccia nucleare''

Iran: Ahmadinejad ''Sì a colloqui con Usa su Iraq, ma non ci fidiamo''

Il presidente iraniano: ''Gli americani cercano di seminare zizzania tra i Paesi islamici e renderli dipendenti dagli Usa''

Teheran - Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad conferma l'avvio di colloqui con gli Stati Uniti sulla questione irachena, ma si dichiara scettico sul loro esito. ''Abbiamo deciso di parlare con gli Stati Uniti dell'Iraq, ma ancora non ci fidiamo - ha detto Ahmadinejad, citato dall'agenzia di stampa 'Isna', al termine di un incontro a Teheran con il vicepresidente siriano Farouk al Shara - Gli americani cercano di seminare zizzania tra i Paesi islamici e renderli dipendenti dagli Usa, ma noi siamo in grado di spingere indietro di 100 chilometri gli Stati Uniti e Israele se il mondo islamico sarà unito''.

Le dichiarazioni del presidente iraniano arrivano all'indomani delle parole del ministro degli Esteri Manouchehr Mottaki, che ha definito ''un'opportunità per l'Iran e una sfida per gli Stati Uniti'' i colloqui, i primi diretti dal 1979, sull'Iraq.

Intanto, da Teheran arrivano i ringraziamenti a Mosca e Pechino per la posizione assunta all'interno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul programma nucleare iraniano. In una telefonata fatta al suo collega russo Sergei Lavrov e a quello cinese Li Zhaoxing, di cui dà notizia l'agenzia di stampa 'Irna', il ministro degli Esteri iraniano Manouchehr Mottaki ha detto: l'Iran ''sostiene ed è felice della posizione (di Russia e Cina) per proseguire i negoziati nel tentativo di trovare una soluzione accettabile a tutte le parti e a esaminare la questione nucleare sotto gli auspici dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea)''.

Mentre i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non riescono a trovare un accordo sulla posizione da tenere riguardo al programma nucleare iraniano, il direttore generale dell'Aiea Mohammed El Baradei, mette sotto accusa l'organo decisionale dell'Onu, che, secondo il premio Nobel per la pace, andrebbe riformato perché non riesce ad agire in modo rapido ed efficace. In particolare, El Baradei, intervenendo a una conferenza a Karlsruhe, in Germania, fa riferimento proprio ai "pochi sforzi" fatti dal Consiglio di Sicurezza ''per affrontare la minaccia della proliferazione nucleare''.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

US Launches Iraq Assault
Qassim Abdul-Zahra & Ali Akbar Dareini, Associated Press
su Arab News del 17/03/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0