Chernobyl. Confessioni di un reporter

Edito da EGA - Edizioni Gruppo Abele, 2006
237 pagine, € 35,00
ISBN 887670566X

di Igor Kostin

Quarta di copertina

Soprannominato "l'uomo leggendario" dal Washington Post, Igor Kostin è un testimone chiave della catastrofe di Chernobyl. Il 26 aprile 1986 soltanto qualche ora dopo l'esplosione, Kostin sorvola la centrale. La radioattività è così forte che quasi tutte le sue fotografie diventano nere. Una fotografia soltanto si è salvata e ha fatto il giro del mondo. Sopreso per la dimensione della catastrofe e per il silenzio dell'autorità Kostin decide di restare sul posto insieme agli 800.000 "licquidatori" che si sono alternati sul luogo dell'incidente e di documentare le terribili conseguenze della contaminazione su uomini e animali in Ucraina, Bielorussia e Russia.
La sua storia si confonde co quella di Chernobyl. Ha visto l'evaquazione dei villaggi, la disperazione e il coraggio della gente, la costruzione del "sarcofago"; ha visto gli uomini rimuovere a mani nude i blocchi radioattivi, i cimiteri delle macchine, i giardini e gli orti contaminati ritornati terre selvagge, dove l'uomo non ha più posto. Per la prima volta racconta tutto questo, con parole e immagini.
Recensione

Di fronte alle foto di questo volume si rimane come storditi. Anche adesso, mentre scrivo queste righe, non posso fare a meno di tornare a sfogliar pagine. Una ad una, alla ricerca di un senso per quello che è successo, nel tentativo di dar conforto a tutta quella povera gente che ha pagato un caro prezzo per l’immane catastrofe atomica, quasi che si venisse resi partecipi del dramma in presa diretta.

La ricchezza e particolarità di queste foto non risiede solo nella loro unicità, in molti casi infatti le foto di Kostin sono l’unica testimonianza visiva agli episodi narrati, quanto piuttosto alla forza comunicativa che sprigionano, quasi che il detto “val più una foto di mille parole” fosse stato coniato appositamente per l’occasione.

Come se non bastasse, i testi che accompagnano ogni tappa di questo viaggio lungo vent’anni, tratteggiano con sintesi e lucidità il contesto delle immagini che lo seguono. Senza orpelli o sbavature.

Una testimonianza spettacolare, sicuramente tra le più complete al mondo sulla catastrofe di Chernobyl e le sue conseguenze.

Filippo Di Blasi

Sullo stesso argomento

News in archivio

Energia: crepe nucleari in Gran Bretagna
La British Energy ammette guasti agli impianti di Hartlepool e di Hinkley Point. Fermati i reattori. La società perde in Borsa
su La Nuova Ecologia del 16/10/2006

In biblioteca

di Paolo Parisi
Becco Giallo, 2006, € 14,00
di Virginio Bettini
Utet Libreria, 2006, € 20,00

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

CERNOBYL - IL 26 APRILE DEL 1986 ESPLODEVA IL REATTORE NUMERO 4
Vent'anni di solitudine
Molti anni sono passati dal più tragico incidente della storia del nucleare. Ma le domande di chi soffre restano senza risposta.
di Fulvio Scaglione su Famiglia cristiana del 26/04/2006
"Garowee Bosaso" e i bidoni occultati
Rifiuti tossici, sulla pista di Ilaria
di Maurizio Torrealta su RaiNews24 del 23/09/2005

Notizie in archivio

 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0