La violenza tollerata. Mafia, poteri, disobbedienza

Edito da Mimesis, 2006
238 pagine, € 16,20
ISBN 8884833426

di Alessandra Dino

Quarta di copertina

Partendo da una provocatoria riflessione sul pensiero autoritario e da un'attenta lettura del rapporto tra libertà e sicurezza analizzate all'interno dell'ottica del potere, gli interventi di Alessandra Dino, Franco Di Maria, Giovanni Fiandaca, Antonio Ingroia, Guido Lo Forte, Gaetano Paci e Roberto Scarpinato offrono spunti di riflessione per ragionare su argomenti di pressante attualità. Studiosi e magistrati affrontano il controverso problema di un mondo in cui è sempre più difficile trovare spazi di espressione della propria soggettività preservando capacità e possibilità di scelta, all'interno di un reticolo stringente di relazioni, di uno scenario che appare sempre più interconnesso e globalizzato e in cui la definizione di "devianza" e sempre più spesso frutto di una scelta strategica per operare forme di esclusione e di controllo sociale.
Recensione

Nonostante i numerosi sforzi effettuati, la mafia sembra godere ancora di ottima salute. Evidentemente il fenomeno è diverso da come ci è stato finora descritto o da come abbiamo creduto noi stessi di descriverlo. La verità nascosta che non si vuole rivelare, che non si vuole comunicare e non si vuole capire è che non siamo di fronte ad una semplice organizzazione criminale ma ci confrontiamo con un’organizzazione di potere che interagisce con gli altri poteri, in special modo con quelli legali.

La scoperta di questa verità risulta sconvolgente perché rischia di mettere in discussione una comoda acquisizione sulla quale si è fondata la nostra relazione quotidiana con la criminalità, cioè che essa sia composta soltanto da chi spara o si occupi di estorsioni, che sia cioè estranea ai salotti della borghesia e delle professioni. La durissima reazione che è seguita negli attacchi frontali alla magistratura da parte di notabili e politici schierati a difesa di interessi corporativi avvalora questa ipotesi.

Per difendere i privilegi acquisiti sono state sfoderate le armi della paura e della persuasione, attraverso cui si cerca di rendere tollerabili nuove e antiche forme di violenza dissimulata, ricostruendo e adattando alle proprie esigenze i confini del lecito e dell’illecito.

La disobbedienza culturale è allora il modo per recuperare la propria libertà di individui e uscire dai binari segnati dalle imposture del potere.

Una raccolta di scritti che aiuta a individuare nuove forme e nuovi strumenti di interpretazione della realtà che ci circonda.

Filippo Di Blasi

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Carcere duro, il Grand Hotel della mafia
I boss dietro le sbarre: da Buscetta a Mutolo
di Francesco Licata su La Stampa del 22/10/2006
Nel mandamento dei Lo Piccolo la conferma di un conflitto emerso dalle intercettazioni dell'operazioni Gotha
Scompare un boss, è guerra di mafia
Lupara bianca per Spatola capo della cosca di Tommaso Natale
di Francesco Viviano su L'Espresso del 22/09/2006

News in archivio

Mafia: maxi blitz a Messina
L'operazione all'alba di questa mattina
su La Stampa del 19/10/2006

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

Notizie in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0