La festa è finita. La scomparsa del petrolio, le nuove guerre, il futuro dell'energia

Edito da Fazi, 2004
275 pagine, € 18,50
ISBN 8881125129

di Richard Heinberg

Quarta di copertina

La produzione mondiale di petrolio raggiungerà un picco nei prossimi anni, poi a partire da non oltre il 2010-2014 (ma secondo alcuni studiosi già dal 2005-2006) decadrà inevitabilmente, con conseguenze epocali per l’economia dei paesi occidentali e del mondo intero. Su questo fatto, descritto dalle ultime revisioni della curva di Hubbert (lo stesso strumento matematico che previde con vent’anni d’anticipo il picco della produzione di petrolio statunitense per il 1970) e colpevolmente trascurato dall’informazione di massa, concordano oggi la gran parte degli studiosi. Non solo: anche il ricorso a energie alternative non potrà consentire alle società industriali di mantenere il loro attuale livello di produzione e di consumi.

La festa è finita del californiano Richard Heinberg tratta del nostro futuro con realismo, dipingendo il ruolo che la corsa al petrolio ha avuto nella storia dell’industrializzazione occidentale, prefigurando scenari di guerra per le risorse in Medio Oriente, Asia Centrale e Sud America e tracciando una strategia globale da assumere di fronte alla crisi. Il mondo si troverà a dover gestire una transizione a una produzione meno frenetica, sostenibile e fondata soprattutto su risorse alternative: capitale sarà allora il ruolo degli Stati Uniti, il maggior consumatore di energia e la maggior potenza militare del mondo, che dovrà accettare di coordinare la propria azione con quella della comunità internazionale. In assenza di questa disponibilità, l’umanità rischia di vivere un regresso profondo verso nuovi secoli bui.

Il libro di Heinberg non è solo, però, un grido d’allarme, ma è ricco di indicazioni positive a vari livelli. La comunità internazionale, le comunità locali, gli individui, ciascuno può e deve fin da oggi compiere passi concreti per affrontare al meglio la “fine della festa”: questo libro spiega quali, con ammirevole onestà e chiarezza.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Vertice del G8. Firmato un accordo con l'obiettivo di ridurre la dipendenza dal Medio Oriente. Veto alle armi di distruzione di massa per Iran e Corea del nord
Patto Bush-Putin: il futuro è il nucleare
Sfida agli sceicchi del petrolio. In Russia centrali e scorie, agli Usa la ricerca sui sistemi di riciclaggio
di Maurizio Molinari su La Stampa del 18/07/2006

News in archivio

Energia: il G8 punta sul nucleare
In disaccordo quasi su tutto Bush e Putin si ritrovano sulla politica energetica. Il comunicato congiunto di Legambiente, Forum Ambientalista e Contratto Mondiale Energia
su La Nuova Ecologia del 18/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2022
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0