Il libro dell'economia partecipativa

Edito da Net Edizioni, 2006
381 pagine, € 10,00
ISBN 885152291X

di Michael Albert

Quarta di copertina

Dopo il trionfo planetario del neoliberismo molti credono che le leggi di mercato siano né più né meno leggi di natura e che il loro corredo di ingiustizie e disuguaglianze sia un male inevitabile. Ma il fallimento delle alternative storiche al capitalismo non esclude che i princìpi di equità, solidarietà, autonomia e diversità possano sostituirsi a un libero scambio i cui guasti sono sempre più evidenti. Senza limitare la libertà individuale, anzi incoraggiandola. E senza compromettere ricerca, innovazione, sviluppo. Sono questi gli obiettivi dell’economia partecipativa, un sistema di pianificazione “dal basso” che affiderebbe a consigli di lavoratori e consumatori autogestiti l’elaborazione di scelte produttive e di consumo che tengano conto di costi e benefici sociali. Michael Albert, che di “parecon” (dall’inglese participatory economics) è uno dei principali interpreti a livello mondiale, non richiede alcun atto di fede al lettore.

L’economia partecipativa non è una sua invenzione, né un progetto chiuso, ma un esercizio di intelligenza collettiva elaborato da persone di paesi diversi, cui tutti sono chiamati a contribuire. E questo libro è la summa di quanto è stato elaborato e proposto finora. Attraverso un’accurata esposizione e confutazione delle critiche più severe, lo studio di casi e una descrizione dettagliata delle strategie per tradurre il modello in realtà, dimostra che portare la democrazia in tutti gli aspetti della vita economica, dalla produzione all’organizzazione del lavoro, dai consumi alla distribuzione delle risorse non è un’utopia, che un’altro mondo è possibile.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cibo, lo spreco quotidiano
Italia: 4 mila tonnellate al giorno nei rifiuti, 27 ai poveri. Il record inglese
di Caterina Pasolini su La Repubblica del 16/04/2005
Spot e un esercito di volontari: lo stratega di Bush, Karl Rove, usa le stesse tecniche della campagna elettorale per promuovere i tagli al welfare promessi dal presidente
La Casa Bianca vende porta a porta la riforma delle pensioni
L’aggressività dell’offensiva ha spiazzato i democratici. Che ora accusano l’Amministrazione di aver inaugurato la «politica della paura» con lo slogan: «Si rischia la bancarotta»
di Massimo Gaggi su Corriere della Sera del 17/01/2005

In biblioteca

di George Ritzer
Il Mulino, 1997, € 19,50
di Oliver James
Codice Edizioni, 2009, € 16,20
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0