La punizione. Catania 1976: quattro ragazzi spariti nel nulla

Edito da Marsilio, 2006
135 pagine, € 11,00
ISBN 8831788655

di Salvatore Scalia

Quarta di copertina

Quattro scippatori, tra i dodici e i tredici anni, un mattino dell'aprile 1976, si aggirano su due Vespe 50 ai margini del mercatino rionale del quartiere di San Cristoforo a Catania. Sono attratti dalla deferenza di cui è circondata una donna anziana che, fatta la spesa, si avvia verso casa. Le strappano la borsetta, lei resiste, cade e si frattura un braccio. Il bottino è misero, ma l'oltraggio è grande, perché, senza saperlo, hanno derubato la madre di un capo mafia. I ragazzini da predatori diventano preda. Spariranno nel nulla. Anni dopo un pentito, in preda ai rimorsi, rivelerà il loro destino, però senza alcuna prova concreta. "La punizione" racconta questa storia di dolore, di mistero e di precoce iniziazione alla vita.
Recensione

«Cosa siamo noi davanti all’universo infinito? Che succederebbe se ogni stella si muovesse liberamente e cozzasse con le altre? Un’esplosione dopo l’altra…Perciò il Grande Puparo ha stabilito delle regole e regge le fila di tutto. E persino un angelo ribelle precipita tra le fiamme dell’inferno. Da questa terra però lui è distante, perciò qui i fili spesso s’imbrogliano. Ogni tanto il Puparo si distrae e con uno strattone solleva qualcuno al di sopra degli altri. Perché proprio io? Non si sa. Sono stato scelto dal caso e non posso cedere: loro hanno bisogno di me e io ho bisogno di loro. Guai se si diffondesse la mala erba! Ognuno deve stare al suo posto, con le buone o le cattive».
Questo brano, che andrebbe incluso in una antologia sulla mafia, è il credo di Nitto, il capomafia che ordina “la punizione” contro i quattro ragazzi del quartiere catanese di San Cristoforo, rei di avergli scippato la madre provocandole la rottura di un braccio.

Spariti, mai esistiti, i loro stessi familiari fingono di non sapere e fanno di tutto per non immischiarsi. Le loro vite diventano ricordo che va scolorendosi col tempo, ma la loro storia diviene leggenda, sì da ricordare a ciascuno cosa vuol dire mancare di rispetto agli uomini d’onore.

Un episodio di cronaca reale narrato a trent’anni di distanza che riesce con sorprendente efficacia a raccontare la ferocia della mafia e del destino ineluttabile delle giovani vite che nascono nei quartieri sottratti da Cosa Nostra al controllo dello Stato.

Filippo Di Blasi

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Carcere duro, il Grand Hotel della mafia
I boss dietro le sbarre: da Buscetta a Mutolo
di Francesco Licata su La Stampa del 22/10/2006
Nel mandamento dei Lo Piccolo la conferma di un conflitto emerso dalle intercettazioni dell'operazioni Gotha
Scompare un boss, è guerra di mafia
Lupara bianca per Spatola capo della cosca di Tommaso Natale
di Francesco Viviano su L'Espresso del 22/09/2006
La strage di Brescia per uno sgarro alla mafia
Il procuratore Tarquini: movente del triplice delitto la spartizione del denaro ricavato da false fatturazioni legate a finanziamenti pubblici
di Gabriele Villa su Il Giornale del 16/09/2006

News in archivio

In manette è finito anche l'ex pentito Giovanni Pellegriti
Mafia: 9 fermi a Catania, sventato omicidio
Arrestati i membri di un clan emergente di Adrano: progettavano un nuovo delitto
su Corriere della Sera del 17/10/2006
I corpi di Sebastiano Gangi, 30 anni, e Carmelo Anzalone, 43, rinvenuti in una Lancia Ypsilon. Erano scomparsi da ieri
Mafia: trovati due cadaveri nel catanese uccisi a colpi d'arma da fuoco
su La Repubblica del 21/09/2006
su Adnkronos del 05/07/2006

In biblioteca

di Amedeo Cottino
EGA - Edizioni Gruppo Abele, 1998, € 12,39
di Claudio Fava
Baldini Castoldi Dalai, 1996, € 9,30

Uno sguardo alla storia

Articoli in archivio

XIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie
Oltre centomila da tutta Italia per ricordare e rinnovare l'impegno
di AA.VV. su Libera del 23/03/2008
Una partita ancora aperta
Articolo di Giuseppe D'Avanzo sul Corriere della Sera del 06/11/2007
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 06/11/2007

Notizie in archivio

Blitz della polizia in una villetta vicino Palermo. In manette anche Sandro Lo Piccolo. Erano in una riunione con altri quattro boss. "Dopo Provenzano è capo di Cosa Nostra"
Mafia, arrestato Salvatore Lo Piccolo. Un nuovo pentito decisivo per le indagini
Francesco Franzese ex uomo di fiducia del padrino. Il figlio urla: "Ti amo papà". Era latitante dal 1983. Prodi: "Un successo dello Stato e di tutti i cittadini onesti"
su La Repubblica del 05/11/2007
Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali. "La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"
"La mafia? E' la prima azienda italiana". Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno
su La Repubblica del 21/10/2007
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0