America al bivio. La democrazia, il potere e l'eredità dei neoconservatori

Edito da Lindau Edizioni, 2006
213 pagine, € 9,50
ISBN 8871805747

di Francis Fukuyama

Quarta di copertina

Secondo Francis Fukuyama, con la decisione di invadere l’Iraq Bush ha sostanzialmente fallito nel suo ruolo di guida della politica estera americana. La sfida posta all’America dall’11 settembre aveva un duplice volto: da un lato il terrorismo islamico – un nemico che va combattuto sul campo e senza compromessi –, dall’altro i regimi islamici, gli stati non solo arabi che fanno della religione musulmana la loro fonte giuridica, realizzando in questo modo forme più o meno dichiarate di teocrazia. A parere di Fukuyama, Bush ha sbagliato nel momento in cui ha messo insieme queste due issues, facendo della promozione della democrazia nel mondo islamico – obiettivo giusto e strategico – un’urgenza vitale per gli Stati Uniti al pari della vittoria sul terrorismo. Per Fukuyama la diffusione della democrazia deve restare una priorità della politica estera americana, ma non è un problema di sicurezza nazionale, non se ne devono occupare il Dipartimento di Stato e il Pentagono, come invece è successo. Essa deve essere piuttosto considerata la grande sfida culturale dei prossimi decenni, una sfida che l’Amministrazione americana deve vincere utilizzando strumenti diversi, ad esempio finanziando ancora di più la società civile araba e le personalità politiche locali più liberali e agendo attraverso enti non direttamente collegati al governo. Preso atto del fatto che la situazione in Iraq, ma anche in Egitto, Palestina e Iran, è ora più difficile di quanto non fosse prima dell’intervento armato, e che l’aver aperto al dibattito politico e civile società soffocate da forze violente e antidemocratiche è stato un azzardo, secondo Fukuyama non resta che proseguire la guerra ai terroristi svincolandola però dall’azione di promozione dei diritti e delle libertà nel mondo musulmano e non facendo guerra ad altri Stati, per quanto fiancheggiatori essi siano del terrorismo internazionale. America al bivio segna il clamoroso addio di Francis Fukuyama ai neocon e ridefinisce le priorità della politica estera americana in termini più realistici e multipolari, sconfessando in modo definitivo la politica dell’Amministrazione Bush dopo l’11 settembre.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Quante legioni ha l'america? Troppo poche per un impero
Com'è possibile che la più grande democrazia del mondo non riesca a liberarsi dal pantano iracheno?
di Niall Ferguson su Corriere della Sera del 23/10/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0