Da La Stampa del 04/11/2006
Originale su http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=41&ID_art...

La Spectre della notizia

di Massimo Gramellini

A Napoli, nei primi dieci mesi del 2005, i morti sono stati più numerosi che nei primi dieci di quest’anno: 52 a 49. Perché allora non importava niente a nessuno, mentre adesso pare non esista altro al mondo che nugoli di scugnizzi assassini? La solita storia delle notizie carsiche che scorrono sotto traccia per riaffiorare all’improvviso. C’è stata una stagione in cui non passava giorno senza che un ragazzino tentasse di sgozzare la mamma: in seguito la situazione si è ricomposta, nonostante le comparsate in video di Crepet. E le stragi del sabato sera? Ricordo un periodo in cui finivano sui giornali anche di martedì. Seguirono denunce e progetti di legge, poi boh. Nel frattempo si continua a morire, ma a pagina 24, in attesa che un chilometro di tamponamenti a catena riporti l’alcolismo nei titoli dei tg.

Stessa sorte per l’ecstasy, le ragazze violentate, il buco dell’ozono, i barconi degli immigrati e la mitica aviaria. Presenze immancabili nella lista delle disgrazie quotidiane, poi rientrate disciplinatamente in retrovia, ma pronte a tornare sul proscenio alla prossima occasione: basta una storia strana, una rissa televisiva, la dichiarazione di un potente. Prima che ne parlasse Napolitano, gli incidenti sul lavoro finivano nelle «brevi» di cronaca. Oggi sembrano di più, invece si è solo ricominciato a farci caso.

Non esiste una Spectre della notizia che fissa l’agenda della giornata, ordinando di dare importanza nello stesso momento alle stesse cose. Spesso a far partire il motore dell’indignazione sono le coincidenze: nel caso di Napoli, l’uscita di un gran libro («Gomorra» di Saviano), due morti in poche ore e l’assenza, quello stesso giorno, di altre vicende sorprendenti. Il giornalista si nutre di curiosità, però si annoia in fretta. Ha sempre fame di fatti inediti, ma sa accontentarsi di quelli vecchi, purché sembrino nuovi.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Ieri i controlli dei carabinieri nell'area nord, oggi il presidio della polizia nella zona della faida
Piano Amato al via da Secondigliano
A Scampia un murales per ricordare le vittime innocenti dei clan
di Dario Del Porto su L'Espresso del 06/11/2006
LA CRIMINALIDAD EN ITALIA
Prodi visitó Nápoles, una ciudad agobiada por la violencia mafiosa
El primer ministro, que se declaró angustiado, prometió combatir el desempleo
di Julio Algañaraz su Clarín del 03/11/2006
Naples en proie à la violence
Sept morts en cinq jours: la presse italienne traque les causes et cherche des remèdes à la crise
su Le Temps del 02/11/2006

News in archivio

Emergenza criminalità in Campania: tre omicidi nel weekend. Per il ministro della Giustizia l'invio dei militari "non è un tabù"
Camorra: Mastella apre sull'esercito a Napoli, piano del Viminale per l'emergenza
Per fronteggiare la situazione sarebbero pronti 1.300 uomini in più. Ma il portavoce di Prodi frena: "Ancora non è stato deciso nulla"
su La Repubblica del 30/10/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0