Da Liberazione del 09/08/2006

Uranio impoverito: un militare gravemente malato trasferito al Policlinico. Per non risarcirlo?

di Falco Accame

Un militare che ha operato a Peck è tornato con un linfoma ed è stato ricoverato al Celio. Ma dal Celio è stato trasferito al Policlinico per motivi da precisare. Questo è uno dei tanti casi dei quali si è venuto a sapere solo casualmente e che quindi pongono il problema di che affidabilità possono avere le indagini sulla pericolosità dell'uranio impoverito se i casi non vengono resi noti da chi ne è in possesso. Si è costretti a basarsi solo su "Radio Fante". Ma non dovrebbe essere assolutamente così. Anche la Commissione di inchiesta senatoriale sull'uranio impoverito ha fatto rilevare l'inaffidabilità dei dati su cui si basano gli studi. Nel frattempo genitori di militari defunti si sono rivolti da quasi sei mesi al Ministero della difesa (vedi i casi Serra e Faedda, due militari sardi di Castel Sardo in Sardegna) in relazione alla possibilità di un indennizzo. Ma ad oggi non è giunto neppure un cenno di risposta. E' possibile che questa sia la cura che si ha di quelli che in altre circostanze vengono chiamati i "nostri ragazzi"? Sembra piuttosto che siamo in presenza di "ragazzi di nessuno". I giovani militari, Serra e Faedda, hanno operato nel poligono di Capo Frasca ed erano adibiti a raccogliere a mani nude le migliaia di residui di proiettili sparati in quel poligono. E qui si ripropone il problema dei poligoni e dell'uso dell'uranio. Come ha fatto rilevare la Commissione senatoriale d'inchiesta le ditte civili italiane e straniere che eseguono le sperimentazioni nei poligoni non hanno mai comunicato alle autorità italiane, civili e militari, i dati sulle sperimentazioni eseguite. Siamo quindi nella assoluta incertezza se nei poligoni sono state utilizzate armi all'uranio. Certamente non sono mai state adottate le misure di precauzione previste dagli Usa fin dal 1993 in Somalia ed emanate per i reparti italiani sei anni dopo dalla Kfor nei Balcani.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

«Uranio impoverito, quando il nucleare colpisce in maniera subdola»
Da oggi in Giappone un convegno internazionale sul rischio atomico
di Nicole Corritore su Liberazione del 03/08/2006
Uranio impoverito: nuovi studi accusano il micidiale metallo contenuto nei proiettili mentre l’US Army ne ha appena ordinati per 38 milioni di dollari
La paura soffia nel vento
Secondo due scienziati microparticelle sono volate dall'Iraq a Londra: il governo li ha subito smentiti
di Claudio Gallo su La Stampa del 05/06/2006
 
Cos'è ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2017
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0