Da La Stampa del 28/07/2006
Originale su http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=25&ID_art...

Montata da Ahmadinejad per colpire, piu' che gli Stati Uniti e lo stesso Israele, i grandi paesi sunniti: la conferenza di Roma lo ha chiarito

L'Europa ha svelato la trappola libanese

di Igor Man

Prese in contropiede dalla Conferenza di Roma realizzata a tempo di record dal nostro ministero degli Esteri, le grandi testate internazionali, tranne pochissime eccezioni, dedicano titoli cubitali e acidi commenti all'iniziativa italiana, sottolineandone il «totale fallimento». Ma Prodi e D'Alema, realisticamente, non s'erano posti ambiziosi traguardi. Di fronte al «niet» della Casa Bianca a un immediato cessate il fuoco, han dovuto ripiegare su «obiettivi minimalisti» e tuttavia importanti: il «corridoio» che consente l'afflusso organizzato e continuo di aiuti alimentari e sanitari all'innocente popolo libanese, vittima prima della dura risposta di Israele alla provocazione di Hezbollah. Ancora: il «ripescaggio» dell'Onu incaricato, in fatto, di riesumare i Caschi Blu può far da traino a una rivisitazione delle tante risoluzioni delle Nazioni Unite rimaste, perloppiù, lettera morta: dalla questione-Golan al disarmo di Hezbollah.

L'incubo d'un più vasto incendio nella cosiddetta area di crisi mediorientale è tutt'altro che dissolto e tuttavia c'è una notizia che apre prospettive non catastrofiche. Eccola: il Consiglio di Difesa di Israele, riunitosi giovedì a Tel Aviv, «ha deciso di non autorizzare una vasta offensiva dell'esercito in Libano ma di continuare le attuali, limitate operazioni militari contro Hezbollah». Di più: il Consiglio non ha autorizzato una più ampia mobilitazione dei riservisti e ha ribadito (ufficialmente) che «Israele non intende aprire un fronte contro la Siria».

Nel linguaggio cifrato della politica quest'ultima dichiarazione tradotta in spiccioli può voler significare qualcosa di molto importante; e cioè che Israele ha sì l'intenzione di «punire i terroristi sciiti» - come definisce i miliziani del «Partito di Dio» -, ma non intende allargare l'operazione-bonifica nel Libano: tocca a voi siriani, come già stabilito dall'Onu, disarmare le milizie accampate nel Libano-Sud, responsabili di continue «azioni di disturbo» in violazione delle leggi internazionali: questo, appunto, il messaggio cifrato di Gerusalemme a Damasco. Ovviamente non sarà stata la Conferenza di Roma a far da indotto ma gli incontri bilaterali dietro le quinte, le arrabbiature, le confessioni di impotenza, le riflessioni ad alta voce, insomma il lavorio diplomatico è valso (forse) a far prendere coscienza ad amici e nemici che la guerra, una guerra dal Golfo al Mar Rosso, non avrebbe né vinti né vincitori ma soltanto una infinità di vittime. Tra queste, in primis, i cosiddetti arabi moderati la cui ambiguità si spiega con quel che bolle nel sottosuolo di paesi dove, a dispetto dell'oro nero e della vacca grassa del turismo, i poveri son sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi - dove la tragedia del popolo palestinese viene vista soprattutto in termini etici. Dove il seme infetto sparso a piene mani dal Goebbels iraniano attecchisce con una rapidità infernale. Maledizioni oscene, dichiarazioni ignobili: «Israele deve scomparire, e con lui il Grande Satana occidentale», e inoltre, una pesante ancorché indiretta campagna ricattatoria in chiave energetica, tutto questo cocktail esplosivo ha fatto del signor Ahmadinejad il pupillo dei mostazafin (i sanculotti islamici) eclissando Bin Laden, addirittura.

La tragedia del Libano ha sparigliato le carte: dopo anni (troppi) di rapide guerre locali fra Israele e incauti paesi arabi, cinici strumentalizzatori dell'interminabile odissea palestinese, guerre che puntualmente han confermato il primato assoluto di Israele, l'improvvisa fiammata libanese ha illuminato il convitato di pietra: l'Iran sciita, nella persona di Ahmadinejad, è sceso in campo, ancorché per interposto combattente: Hezbollah.

Astuto com'è, il «figlio del fabbro» non è improbabile che, prima o poi, smetta di tirare la corda. Le provocazioni a Gaza e in Libano sono probabilmente le mosse (a metà fra il bluff e il full d'assi) d'un vanitoso giuocatore d'azzardo che piuttosto che avercela con il Grande Satana (gli Usa con noi «complici») ce l'ha con la galassia sunnita che ha per stella polare l'Arabia Saudita. Ahmadinejad vuole, nell'ordine, due cose: il riscatto dello Sciismo perseguitato nei secoli dai Sunniti - la leadership politica dei paesi che formano la Mezzaluna del Petrolio. Tutto questo dipende dalla capacità ma soprattutto dalla possibilità di avere la «licenza atomica».

Il Libano, vittima della provocazione di Hezbollah, è una trappola. Montata per colpire i grandi paesi sunniti più che gli Stati Uniti e lo stesso Israele. I paesi dell'Europa mediterranea sembrano averlo compreso, anche grazie alla Conferenza di Roma. Il guaio è che gli Stati Uniti sono culturalmente incapaci di «capire» l'islam in generale, gli arabi in particolare. A noi vecchi europei riesce (relativamente) meno difficile. Sicché ripeteremo ai nostri grandi alleati, cui siamo debitori della democrazia riconquistata, diremo quel che, invano, dicemmo loro prima dell'improvvida invasione dell'Iraq: noi mettiamo l'esperienza, voi mettete la potenza, e il Vicino Levante, forse, firmerà con noi una inedita joint-venture nel segno della pace. E il presidente Bush non avrà più motivo di turbarsi per i seicento (finora) civili libanesi morti ammazzati.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Medio Oriente: armi a Iran ed Hezbollah, Russia sotto accusa
Gli Usa impongono sanzioni ad aziende russe. Israele: "A Hezbollah, lanciarazzi dalla Russia"
di Enrico Piovesana su Peace Reporter del 08/08/2006
Iran warns the west: ignore us at your peril
Tehran predicts summit failure as UN observers die in Israeli airstrike
di Ewen MacAskill, Simon Tisdall su The Guardian del 26/07/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0